Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 799

Risultati da 111 a 120 DI 799

13/05/2015 09:54:02 Due specie colonizzano il nostro volto

La tua faccia è piena di acari
Ospiti indesiderati, ma invisibili. Si tratta degli acari, che secondo una ricerca della North Carolina State University di Raleigh vivrebbero sul volto umano.
Due sono le specie che prediligono la nostra faccia, il Demodex follicolorum e il Demodex brevis. I primi si trovano all'interno dei pori e dei follicoli piliferi, mentre i secondi vanno più in profondità, all'interno delle ghiandole sebacee.
Il motivo per cui questi animaletti – simili a minuscoli vermi – abbiano deciso di vivere ... (Continua)

12/05/2015 10:00:00 Fondamentale per prevenire le malattie cardiovascolari e del metabolismo

Sindrome Metabolica, come riconoscere i fattori di rischio
Con il termine Sindrome Metabolica indichiamo una serie di alterazioni che, se presenti contemporaneamente, possono essere molto rischiose per la salute. È importante sottolineare che non si tratta di una vera e propria malattia ma piuttosto di uno stadio di pre malattia che, se trascurato, può condurre all'insorgenza di gravi patologie cardiovascolari, al diabete e ad altre disfunzioni del metabolismo. Per questo motivo riconoscere per tempo la Sindrome Metabolica significa a tutti gli effetti ... (Continua)

08/05/2015 15:01:00 Studio spagnolo svela i limiti del famoso regime alimentare

La dieta Atkins non funziona ed è pericolosa
La capostipite delle diete proteiche non funziona e rappresenta un pericolo per la salute umana. A dirlo, riferendosi alla dieta Atkins, è uno studio dell'Università Rovira i Virgili di Tarragona, in Spagna.
Secondo gli scienziati spagnoli, la rinuncia pressoché completa ai carboidrati e il consumo esasperato di proteine sul lungo termine hanno l'effetto opposto a quello sperato. Le possibilità di prendere peso, infatti, raddoppiano e inoltre si registra un rischio più elevato di morte ... (Continua)

28/04/2015 14:23:39 I nutrizionisti riabilitano l'alimento principe dell'estate

La dieta del gelato
Non c'è niente di male a mangiarsi un gelato. Lo dicono niente meno che i nutrizionisti italiani, secondo cui l'amatissimo alimento che impazza nelle calde notti estive può addirittura aiutare quelle persone che intendono perdere un po' di peso in vista della prova costume.
È Pietro Migliaccio a lanciare l'idea del gelato come alimento coadiuvante di una buona dieta ipocalorica. La cosa fondamentale è mangiarlo al posto del pranzo o della cena e non aggiungerlo alla fine come dessert. Il ... (Continua)

28/04/2015 12:23:08 Le piante e il loro aiuto per ritrovare le energie

Eleuterococco e rodiola aiutano ad affrontare la primavera
Aprile, dolce dormire! Con l’arrivo della primavera ci si trova spesso a dover affrontare disturbi come la spossatezza, l’apatia e l’irritabilità. Tutto ciò è legato principalmente al cambio di stagione ed è ulteriormente inasprito dal passaggio all’ora legale.
Il cambio di stagione fisiologico che l’organismo deve affrontare è effettivamente difficoltoso dato che deve adattarsi al diverso ritmo di luce e buio e alle temperature che iniziano gradualmente a salire. Per affrontare la nuova ... (Continua)

27/04/2015 16:05:00 La proteina p66 distrugge le cellule beta del pancreas

L'olio di palma apre le porte al diabete
Meglio evitare come la peste l'olio di palma. Uno studio italiano mostra la capacità di una delle proteine sintetizzate dall'olio – la p66 – di distruggere le cellule beta del pancreas, quelle preposte alla produzione di insulina.
Il risultato è una predisposizione al diabete, dal momento che l'insulina è un ormone essenziale per tenere sotto controllo la glicemia. A scoprire l'effetto prodotto da questo olio ormai molto diffuso nell'industria alimentare è un team di ricerca dell'Università ... (Continua)

24/04/2015 14:14:00 Effetti positivi anche dal pane alle alghe

Il peperoncino è amico del fegato
Può suonare strano, ma i cibi piccanti fanno bene al fegato. Secondo i risultati di uno studio belga della Vrije Universiteit di Bruxelles, infatti, il consumo quotidiano di capsaicina – il composto attivo del peperoncino – è associato a marcati effetti benefici sul fegato.
La ricerca, presentata nel corso dell'incontro della European Association for the Study of the Liver in corso a Vienna, rivela la capacità della sostanza di ridurre l'attività delle cellule stellate del fegato, quelle ... (Continua)

24/04/2015 L'utilizzo del microbioma per trattare la malattia cronica

I microbi assoldati per combattere l'obesità
Il microbioma che vive dentro di noi può aiutarci a superare alcune malattie croniche come l'obesità. Lo rivela uno studio della Vanderbilt University firmato dal dott. Sean Davies. L'idea di fondo della ricerca è che i microbi, una volta adeguatamente ingegnerizzati, possano diffondere i farmaci utili contro le malattie croniche come il diabete e l'ipertensione o composti in grado di contrastare l'obesità.
Il team diretto da Davies ha effettuato una sperimentazione su topi affetti da ... (Continua)

23/04/2015 14:41:17 Possono influire in maniera negativa sui risultati

Meglio evitare gli omega 3 durante la chemio
Sono stati spesso sottolineati i benefici indotti dal consumo di acidi grassi polinsaturi n-3, ovvero gli ormai celebri omega 3. Tuttavia, una ricerca del Cancer Institute di Amsterdam rivela che il consumo di pesce ricco di tali acidi – aringhe e sgombri – ma anche di integratori può influenzare in maniera negativa l'effetto prodotto dalla chemioterapia sui pazienti ammalati di cancro.
Lo studio, pubblicato su Jama Oncology, è stato diretto da Emile Voest, che spiega: “i malati di tumore ... (Continua)

15/04/2015 Nuove speranze grazie a una ricerca americana

Scoperta la causa dell'Alzheimer
Un team di ricercatori della Duke University potrebbe aver scoperto la principale causa di insorgenza dell'Alzheimer. È il risultato di uno studio apparso sul Journal of Neuroscience e condotto su modello murino.
Gli scienziati guidati da Carol Colton, docente di Neurologia presso la Duke University School of Medicine, hanno scoperto che un tipo di cellule del sistema immunitario del cervello – le microglia – vanno incontro a una modificazione contemporanea all'insorgere dell'Alzheimer ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale