Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1779

Risultati da 971 a 980 DI 1779

17/10/2011 13:20:30 Una molecola attiva sul “core” della malattia

Everolimus anche per la Sclerosi Tuberosa
È stato testato per la Sclerosi Tuberosa (TSC) everolimus, una molecola di recente approvazione da parte del FDA (Food and Drug Amministration) per il trattamento di tumori negli adulti e che ne ha permesso ora l’utilizzo anche per i bambini sopra i tre anni di età, affetti da tumori cerebrali benigni.
Si tratta per lo più di astrocitomi sub ependimali a cellule giganti associati alla TSC, per cui fino ad oggi era possibile solo l’intervento chirurgico e non in tutti i casi.
La nuova ... (Continua)

12/10/2011 Studio americano tenterà di approfondire il fenomeno delle stelle negli occhi

Dai fosfeni una cura per la cecità?
L'espressione “vedere le stelle” potrebbe essere assumere una valenza positiva. Un team di scienziati statunitensi del prestigioso Massachusetts Institute of Technology sta per affrontare il curioso fenomeno fisiologico del fosfene, ovvero la comparsa di punti luminosi a forma di stelle quando ci capita di alzarci troppo velocemente.
In questi casi, l'improvviso flusso di sangue alla testa attiva involontariamente quelle zone del cervello che sottintendono all'elaborazione delle ... (Continua)

12/10/2011 Ipotesi fantascientifica per chi è rimasto paralizzato

Muoversi col pensiero
Chi è paralizzato può sperare in futuro di utilizzare il pensiero per interagire con l'ambiente circostante. È ciò che è già successo a Tim Hemmes, un americano di 30 anni costretto su una sedia a rotelle dal 2004 a causa di un incidente stradale.

L'uomo è riuscito a muovere un braccio meccanico basandosi esclusivamente sulla forza del pensiero, o meglio sugli impulsi trasmessi dal cervello attraverso un microchip impiantato nella corteccia motoria. L'impulso è giunto al braccio ... (Continua)

10/10/2011 Sistema di protezione formidabile per la cellula, ma c’è chi ne fa a meno

L’allarme anti-lesione al Dna
Scoperto nel cervello un tipo di cellule che non lancia gli allarmi molecolari generalmente attivati quando il patrimonio genetico viene danneggiato. Si tratta degli astrociti, chiamati così per la spettacolare forma cellulare che ricorda quella delle stelle.
Al termine del proprio differenziamento, quando cioè hanno raggiunto la massima specializzazione funzionale, gli astrociti spengono i geni responsabili dell’innesco degli allarmi anti-danno e di conseguenza non attivano più una serie ... (Continua)

08/10/2011 Negli anziani influisce l'ingiallimento del cristallino

Quando l'insonnia dipende dagli occhi
L'insonnia è un fenomeno molto comune soprattutto fra gli anziani. Secondo uno studio danese pubblicato su Sleep, la ragione risiederebbe in un processo legato all'invecchiamento, nello specifico l'ingiallimento del cristallino, l'elemento dell'occhio che serve per la messa a fuoco di oggetti vicini e lontani.
Man mano che si invecchia, questa lente naturale tende a diventare gialla, il che si traduce in una riduzione della luce blu che arriva abitualmente alla retina. La diminuzione di ... (Continua)

07/10/2011 Ricerca italiana suggerisce l'ipotesi di una diagnosi precoce
Una cura possibile per la sindrome di Rett
Sono i ricercatori del Cnr a proporre un nuovo approccio alla cura della sindrome di Rett. Gli scienziati guidati da Gian Michele Ratto hanno pubblicato su Scientific Reports i risultati di una ricerca basata su una tecnica di imaging innovativa.
Grazie a questa tecnica, i ricercatori hanno scoperto che alterazioni delle sinapsi delle cellule cerebrali sono presenti fin da quando i sintomi sono ancora lievi. Lo studio suggerisce quindi che intervenendo con terapie farmacologiche mirate in ... (Continua)
04/10/2011 Possibili deficit cognitivi negli anni a seguire
Anestesie prima dei due anni di vita
Un nuovo studio pubblicato dall’American Academy of Pediatrics afferma che l’esposizione ad anestesia prima dei 2 anni di età può produrre una forma di neurodegenerazione chiamata “apoptotica”, questa provocherebbe possibili deficit di tipo cognitivo. Fenomeni di difficoltà di apprendimento in età più tarde sono più probabili in casi in cui vi siano stati più interventi chirurgici e quindi anestesie, non certamente per un'unica esposizione. L’incidenza stimata per disturbi ... (Continua)
03/10/2011 Nuova molecola potrebbe eliminare gli effetti di una forma specifica

Albinismo, una cura possibile
Potrebbe essere vicina la soluzione ai problemi causati da una forma particolare di albinismo, quello oculocutaneo. È allo studio infatti il nitisone, una molecola che dovrebbe curare le persone affette da questa forma di albinismo che comporta, oltre alla pigmentazione chiara di pelle e capelli, anche un deficit di melanina nella retina e quindi gravi problemi della vista.
Uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Investigation ha verificato su modello murino che il farmaco riesce ad ... (Continua)

03/10/2011 Una ricerca sulle relazioni fra vista e udito

Sentire con gli occhi
La corteccia uditiva si attiva anche con la vista. Vedere fotografie associate a un suono, per esempio un trombettista con le guance gonfie che soffia nello strumento, attiva in soli 110 millisecondi il giro temporale superiore (BA38), cioè la regione cerebrale associata alla percezione uditiva, implicata anche nelle allucinazioni uditive. Cosa che non si verifica se l’immagine è priva di riferimenti sonori.
La stretta associazione delle informazioni visive con quelle uditive a cui sono ... (Continua)

03/10/2011 Studio ne sottolinea la funzione nella maturazione degli oligodendrociti
GPR17, il recettore che regola la produzione della mielina
Un team italo-tedesco ha studiato in modelli animali l’espressione del nuovo recettore GPR17, presente sulla membrana dei precursori oligodendrocitari, durante lo sviluppo della corteccia cerebrale, nel cervello adulto sano, e nel cervello colpito da malattie che danneggiano gli oligodendrociti e la guaina mielinica.
Questa ricerca ha posto le basi per sviluppare in futuro nuove terapie farmacologiche che favoriscano la rigenerazione degli oligodendrociti e della guaina mielinica in ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale