Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1779

Risultati da 931 a 940 DI 1779

15/12/2011 15:03:32 Si potranno definire meglio nuovi approcci terapeutici

Una proteina aiuta a valutare le malattie neurodegenerative

In alcune patologie neurodegenerative, per esempio la malattia di Parkinson e Alzheimer le proteine presenti nel fluido cerebrospinale (il liquido che permea e circonda il cervello e il midollo spinale) sono modificate in conseguenza dell’aumento delle condizioni ossidative. Lo afferma uno studio, pubblicato sull’importante rivista The Journal of Neuroscience, che è stato condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Scientifico Universitario del San Raffaele di Milano in collaborazione ... (Continua)

14/12/2011 21:36:26 Si riduce l’attività dell’amigdala e la reazione da stress

Aiutare gli altri fa bene al cervello
Esistono programmi neuroendocrini cui gli esseri viventi sono sottoposti e che sono correlati a particolari comportamenti. Quando si è in una condizione di allerta e di ansia, infatti non si è in grado di porre l’attenzione al di fuori di sé stessi e il comportamento è finalizzato all’eliminazione dello stimolo stressante; questo tipo di comportamento correla con l’attivazione di certe aree cerebrali come l’amigdala e con certi ormoni sintetizzati a livello periferico quali il cortisolo e ... (Continua)

13/12/2011 13:01:52 Inibendo un enzima s’impara di più e più a lungo

L’apprendimento e la memoria si possono migliorare
La protein-chinasi attivata da RNA (PKR), è un enzima conosciuto nell’ambito della risposta immunitaria, in modo particolare per la sua attività antivirale. Un ruolo importante questa sostanza lo svolge anche nel Sistema nervoso centrale (SNC). Nei topolini di laboratorio, infatti, un’inibizione dell’attività di questa “chinasi” comporta un miglioramento di performance cognitive quali, l’apprendimento e la capacità di memoria a lungo termine.
In uno studio pubblicato sulla rivista “Cell” ... (Continua)

13/12/2011 Scoperto il meccanismo che scatena la forma più pericolosa della malattia

Un gene diffonde il melanoma
Il melanoma maligno, la forma più aggressiva del cancro della pelle, si diffonde grazie a uno specifico gene, P-Rex1. Questo gene lavora affinché le cellule tumorali si separino dal cancro originale e si diffondano o si metastatizzino in altri organi, come il cervello, causandone il collasso.
È la scoperta di uno studio internazionale pubblicato su Nature Communications e finanziato dall'Unione Europea. La capacità del cancro di produrre metastasi è il fattore che lo rende così ... (Continua)

09/12/2011 Una reciprocità calda con i genitori protegge dalle droghe

L’attaccamento “sicuro” protegge dall’abuso di sostanze
Rispondere al richiamo dei neonati, guardarsi negli occhi, essere presenti quando richiesti, questi sono i genitori cosiddetti “sicuri”, quelli in grado essere una vera base sicura per i propri figli.
La continuità della presenza delle figure di accudimento per i figli rappresenta l’unica fonte di sicurezza per loro; saperli abbracciare quando lo desiderano e saper dar loro quei limiti che loro stessi a volte chiedono, sono gli ingredienti principali per rendere un bimbo sicuro di sé, ... (Continua)

06/12/2011 14:52:13 Questa la causa di una forma di epilessia
Una mutazione del canale "pacemaker" nel cervello
I "canali ionici" sono proteine trans-membrana, che attraversano la membrana cellulare che determinano l'attività elettrica di muscoli, cuore e cervello. Dopo aver chiarito in studi precedenti il ruolo dell’isoforma cardiaca di questa classe di canali ionici “pacemaker” (HCN) nella generazione e nella regolazione del battito del cuore, il nuovo lavoro del gruppo di Dario Di Francesco, svolto in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano-Bicocca – Ospedale San Gerardo di Monza e ... (Continua)
06/12/2011 12:30:18 Si memorizza meglio e di più dopo un esercizio fisico

La fatica fisica aiuta a ricordare
È stato riscontrato che dopo un esercizio fisico stancante c’è un incremento nel sangue di una proteina, il fattore neutrofico cervello derivato” (bdnf) che è stato collegato con la capacità di memoria degli individui.
Si tratta di uno studio in cui alcuni studenti universitari sono stati sottoposti a un test di memoria; a un gruppo di loro è stato però chiesto di eseguire oltre al test di memoria anche un esercizio fisico consistente nel pedalare su una cyclette fino all’esaurimento ... (Continua)

06/12/2011 La molecola gestisce l'attivazione di centinaia di alterazioni genetiche

Tumori, una proteina ne organizza lo sviluppo
Una sola proteina è alla base della crescita incontrollata del cancro. Lo dice una ricerca spagnola che ha analizzato il comportamento della molecola CPEB4, che attiva l'espressione di centinaia di geni secondo una tempistica e una quantità non ortodosse, favorendo in tal modo lo sviluppo della neoplasia.
La ricerca, pubblicata su Nature Medicine e firmata da scienziati dell'Institute for Research in Biomedicine e dall'Institut de Recerca Hospital del Mar di Barcellona, lascia intravvedere ... (Continua)

01/12/2011 13:06:08 Una stimolazione cerebrale adeguata al bisogno individuale

Il Pacemaker intelligente per il Parkinson
Una nuova strategia terapeutica di stimolazione elettrica cerebrale in grado di adattarsi istante per istante ai sintomi della malattia di Parkinson, fornendo un trattamento sempre adatto alle esigenze del paziente. L’invenzione, che ha ottenuto il brevetto anche in Europa, è costituita da uno stimolatore collegato a elettrodi impiantati in strutture cerebrali al di sotto della corteccia che, misurando l’attività dei neuroni, consentono di monitorare le condizioni del paziente, guidando il ... (Continua)

30/11/2011 15:28:51 La natura del disturbo che colpisce il vitreo

Cosa sono le miodesopsie o “mosche volanti”
Se davanti allo schermo del computer avete la sensazione di vedere degli oggetti di varie forme galleggiare di fronte ai vostri occhi, sappiate che tutto ciò ha un nome: miodesopsie. Forse il nome comune con il quale la maggior parte delle persone fa riferimento al disturbo è più familiare, le “mosche volanti”.
Questi oggetti sono più o meno visibili a seconda della luminosità, della loro densità e della superficie che si sta fissando. La maggior probabilità di osservare il fenomeno dei ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale