Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 629

Risultati da 201 a 210 DI 629

24/06/2014 11:49:00 Responsabile di un caso su 10 di ipertensione
L'iperaldosteronismo si può curare
Per molti anni si è pensato che l’iperaldosteronismo primitivo fosse una forma relativamente benigna di ipertensione, rara (<1%) e da sospettarsi solo in presenza di ipopotassiemia. Ora si sa che non è così: l’iperaldosteronismo primitivo, causato da un’eccessiva produzione di aldosterone, l’ormone prodotto dalle ghiandole surrenali che regola l’equilibrio idrosalino del nostro organismo, è relativamente frequente (8%-13% degli ipertesi) ed è caratterizzato da un’ aumentata frequenza dei ... (Continua)
19/06/2014 10:16:00 L'intervento chirurgico riduce il rischio cardiovascolare

Trattamento dell'endometriosi migliora la funzione vascolare
La funzione vascolare endoteliale migliora dopo un intervento chirurgico volto al trattamento dell'endometriosi. A rivelarlo è uno studio italiano pubblicato su Human Reproduction, secondo cui in seguito all'operazione è evidente una riduzione significativa del rischio cardiovascolare.
Luca Santoro, coautore dell'articolo e ricercatore presso la Cattolica di Roma, spiega: «il possibile legame tra endometriosi e patologie a carico del sistema vascolare necessita di una maggiore consapevolezza ... (Continua)

18/06/2014 14:15:00 Ricerca associa l'assunzione delle statine a una percentuale di rischio maggiore

Le statine aumentano il rischio di diabete
Le statine aiutano a prevenire le malattie cardiovascolari, ma potrebbero aumentare il rischio di diabete. Uno studio del Canadian Network for Observational Drug Effect Studies (Cnodes) pubblicato sulle pagine del British Medical Journal rivela un aumento del rischio di insorgenza del diabete del 15% entro due anni dall'inizio del trattamento con farmaci come la rosuvastatina alla dose di 10 mg o più, l’atorvastatina (20 mg o superiore) e la simvastatina (40 mg o più).
Colin Dormuth, ... (Continua)

09/06/2014 10:14:00 Studi dimostrano l'esistenza di un legame

Il nesso fra apnee e diabete
Una ricerca dell'Università di Toronto ha dimostrato l'esistenza di un nesso fra l'apnea ostruttiva del sonno (OSA) e il diabete. Lo studio, pubblicato sull'American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, ha coinvolto 8.678 volontari affetti da apnee ma non da diabete.
La qualità del loro sonno è stata analizzata attraverso uno studio apposito fra il 1994 e il 2010, poi sono stati seguiti fino al 2011 per verificare l'insorgenza o meno del diabete.
Nel corso del follow up la ... (Continua)

04/06/2014 12:55:00 Nuovi studi sui benefici della frutta a guscio

I pistacchi allontanano il diabete
Prevenire il diabete è possibile grazie al consumo di pistacchi. Lo suggerisce una ricerca della Rovira i Virgili University di Tarragona, in Spagna, presentata durante un convegno europeo sull'obesità che si è tenuto nei giorni scorsi a Sofia, in Bulgaria.
Lo studio ha preso in considerazione 54 soggetti che si trovavano in condizioni prossime allo sviluppo del diabete, in sovrappeso o già obesi, che hanno seguito per 8 mesi una dieta mediterranea. A una parte del campione è stato proposto ... (Continua)

30/05/2014 15:00:00 I fattori di rischio cambiano nel corso dell’anno

Le stagioni del cuore
Nella poesia, nei romanzi, nella cultura popolare, ci sono stagioni buone e altre cattive. Succede anche per il cuore. Una ricerca coordinata dall’Istituto di medicina sociale e preventiva dell’Università di Losanna, in Svizzera, con la collaborazione di diversi centri di ricerca internazionali, tra i quali l’IRCCS Neuromed di Pozzilli, e pubblicata sulla rivista Heart, dimostra infatti che i più comuni fattori di rischio cardiovascolare sono più alti in inverno che in estate. La stagione ... (Continua)

30/05/2014 Effetto collaterale dovuto al trattamento con insulina

Diabete, l'ipoglicemia è il rischio sommerso
Palpitazioni, tremore, ansia, giramenti di testa, confusione: sono questi alcuni dei sintomi percepiti durante un episodio di ipoglicemia, un repentino ed eccessivo abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue che può accadere in una persona dopo l’assunzione di alcuni farmaci per la cura del diabete. Nella forma grave l’ipoglicemia può portare addirittura alla perdita di coscienza e può essere fatale se non si interviene per tempo. Il tema dell’ipoglicemia è stato al centro del simposio ... (Continua)

26/05/2014 16:45:00 In arrivo anche un boccaglio per respirare meglio

Un pacemaker per le apnee del sonno
Apnee del sonno addio. Arrivano nuovi dispositivi in grado di eliminare questo fastidioso inconveniente, che può provocare anche danni seri al sistema cardiovascolare.
Un team della Ohio State University ha sperimentato con successo l'efficacia di Remede, i cui risultati sono stati presentati nel corso dello European Heart Failure Congress di Atene.
Il dispositivo è stato testato su un gruppo di persone che soffrivano di apnee notturne e di problemi cardiaci con russamento associato. Si ... (Continua)

26/05/2014 15:45:00 Il rischio di malformazioni cardiache congenite è molto alto

Litio in gravidanza più pericoloso di quanto si pensava
Assumere litio durante la gravidanza potrebbe essere più pericoloso di quanto immaginato in precedenza. A dirlo è uno studio pubblicato sull'American Journal of Psychiatry da ricercatori del Ministero della salute di Israele coordinati dal dott. Orna Diav-Citrin, che spiega: «secondo le nostre osservazioni, l’entità del rischio teratogeno, specie cardiovascolare, associato all'esposizione al farmaco durante le fasi iniziali della gestazione, sembra essere superiore a quanto stimato in ... (Continua)

22/05/2014 16:15:00 Terapia basata sugli antagonisti del Recettore Mineralcorticoide

Un nuovo trattamento per l'obesità
Possibile il ricorso a una nuova terapia per il contrasto dell'obesità. È quanto emerge da uno studio pubblicato su FASEB Journal da un team del Laboratorio di Endocrinologia Cardiovascolare dell'IRCCS San Raffaele Pisana di Roma guidato dal dott. Massimiliano Caprio.
I ricercatori italiani hanno testato un trattamento farmacologico a base di antagonisti del Recettore Mineralcorticoide (MR) su topi che avevano seguito un'alimentazione obesogena. La sostanza ha ostacolato l'aumento di peso ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale