Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 629

Risultati da 101 a 110 DI 629

17/07/2015 17:30:00 Possono costituire un parametro per evidenziare problemi al cuore

I fattori genetici nel rischio cardiovascolare
Uno studio del Brigham and Women’s Hospital di Boston segnala la possibilità di servirsi di fattori genetici specifici per quantificare il rischio cardiovascolare. La coordinatrice della ricerca Jessica L. Mega e i suoi colleghi sostengono che l’uso di una combinazione di varianti genetiche in un punteggio di rischio genetico (Grs) possa rendere più facile l’individuazione dei pazienti a rischio cardiovascolare.
“Negli ultimi due decenni gli studi farmacogenetici non hanno avuto successo ... (Continua)

15/07/2015 10:01:00 Associazione fra il pericolo di arresto cardiaco e uso dei farmaci

Inibitori di pompa protonica e rischio di infarto
L'utilizzo costante degli inibitori di pompa protonica rende più probabile l'insorgenza di una crisi cardiaca. A dirlo è una ricerca della Stanford University pubblicata su Plos One da Nicholas Leeper, che spiega: “gli inibitori di pompa protonica sono stati associati a esiti clinici avversi tra gli utilizzatori di clopidogrel dopo sindrome coronarica acuta, e recenti risultati pre-clinici indicano che questo rischio potrebbe estendersi a soggetti senza precedente storia di malattia ... (Continua)

14/07/2015 11:07:00 Studio condotto su 350.000 individui in tutto il mondo

Grazie al melting pot più forti contro le malattie genetiche
Uno studio pubblicato su Nature ha valutato le modificazioni antropometriche e cognitive delle popolazioni nel corso dei secoli. La ricerca è stata realizzata da un team internazionale di scienziati che hanno analizzato i dati di circa 350 mila persone.
Allo studio, coordinato dall’Università di Edimburgo, ha partecipato anche l’Università di Verona grazie al lavoro dei ricercatori Giovanni Malerba, della Genetica di ateneo e Gianluigi Zaza, della Nefrologia che hanno analizzato le ... (Continua)

10/07/2015 17:46:00 Come scegliere la disciplina ideale

Estate, tempo di sport
Non c’è nulla di meglio dello sport per mantenersi giovani e per conservare nel tempo uno splendido benessere psicofisico. Maggiore prontezza mentale e un accresciuto senso di sicurezza sono gli altri benefici, ma anche la possibilità di prevenire molte malattie.

Fondamentale la scelta dello sport più adatto alle proprie esigenze:



Il nuoto
Il nuoto è lo sport salutare per antonomasia. Ideale per tonificare i muscoli di tutto il corpo, non sollecita le articolazioni e ... (Continua)

07/07/2015 14:56:00 Alcuni soggetti non mostrano segni di invecchiamento biologico

L'invecchiamento si può fermare
Avanzare con l'età anagrafica mantenendo lo stesso aspetto che si aveva a 30 anni. È ciò che succede ad alcuni di noi – pochi per la verità – per qualche motivo biologico che è ancora all'esame dei ricercatori.
Uno studio pubblicato su Pnas da un team della Duke University, negli Stati Uniti, dimostra che esiste la possibilità di fermare l'invecchiamento biologico. La ricerca ha coinvolto 954 uomini e donne di Dunedin, una cittadina della Nuova Zelanda, seguiti per 12 anni. 3 di loro sono ... (Continua)

03/07/2015 10:14:00 I risultati di Sapien 3

Nuova valvola aortica per la TAVI
Sono ottimi i risultati relativi all'utilizzo di Sapien 3 nei primi pazienti ad alto rischio cardiovascolare. È ciò che emerge dall'EuroPCR 2015, uno dei più importanti congressi di cardiologia europei.
L'impianto della nuova valvola aortica Sapien 3 via transcatetere (TAVI) è associato a un tasso di sopravvivenza del 91 per cento, con bassa incidenza di ictus e di leak paravalvolare.
A un anno dall’intervento l’impianto per via transfemorale di Sapien 3 è associato a un’incidenza di ... (Continua)

26/06/2015 16:10:00 Livelli elevati associati a un rischio maggiore

I trigliceridi a digiuno come parametro cardiovascolare
La presenza di alti livelli di trigliceridi a digiuno è associabile a un maggior rischio di insorgenza di problemi cardiovascolari, sia a breve che a lungo termine. È la conclusione cui giunge uno studio pubblicato sul Journal of American College of Cardiology da un team della University of Colorado School of Medicine.
I dati su cui si basa la ricerca sono quelli dei trial dal-Outcomes e Miracl (Myocardial ischemia reduction with acute cholesterol lowering), che hanno coinvolto entrambi ... (Continua)

26/06/2015 11:31:00 Tante le novità nel campo dell'impiantistica cardiovascolare

Il pacemaker più piccolo al mondo
Qualche tempo fa è stato impiantato il primo pacemaker wireless nel nostro paese. La chirurgia in questo campo sta per essere soppiantata da nuove soluzioni e approcci tecnologici sempre più all'avanguardia.
L'azienda Medtronic ha realizzato un dispositivo miniaturizzato, denominato Micra Tps, impiantato per la prima volta presso il Maria Cecilia Hospital di Cotignola (Ravenna) e l’Anthea Hospital di Bari.
I pazienti ai quali è stato impiantato il nuovo ... (Continua)

25/06/2015 17:00:00 La prevalenza di problemi al cuore è alta

Anomalie cardiovascolari anche per gli sportivi
Le anomalie cardiocircolatorie non sono sconosciute agli atleti agonisti. Una ricerca dell'Istituto di medicina dello sport del Coni presentata durante la conferenza Europrevent di Lisbona rivela un'incidenza inaspettatamente alta di problemi cardiovascolari fra gli sportivi a livello olimpico.
“Gli atleti olimpici possono essere affetti da patologie cardiovascolari. Non possiamo dare per scontato che, essendo atleti d'elite, siano assolutamente sani. Questo risultato è interessante ... (Continua)

25/06/2015 10:59:00 Stesso valore del colesterolo e della pressione sanguigna

Funzione renale come parametro cardiovascolare
Valutare la funzionalità renale è una misura efficace anche per l'analisi del rischio cardiovascolare, al pari della pressione e degli esami per il colesterolo. Lo dice uno studio pubblicato su The Lancet Diabetes and Endocrinology da un team della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.
L'epidemiologo Kunihiro Matsushita, primo autore della ricerca, evidenzia la possibilità di utilizzare la creatinina per la valutazione della funzione renale. La creatinina è un prodotto di scarto ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale