Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 630

Risultati da 141 a 150 DI 630

17/06/2014 L'esposizione alla luce solare riduce il rischio di infarto e ictus

Il sole abbassa la pressione
Grazie al sole possiamo proteggerci dai pericoli insiti in una pressione sanguigna elevata, in particolare infarto e ictus. A dirlo è uno studio pubblicato sul Journal of Investigative Dermatology da alcuni ricercatori dell'Università di Southampton e dell'Università di Edimburgo.
Secondo i risultati dello studio sia la luce solare che quella artificiale delle lampade riuscirebbero ad alterare i livelli dell'ossido nitrico, una molecola messaggero che ha la capacità di ridurre la pressione ... (Continua)

16/06/2014 Abusi e prepotenze causano un invecchiamento precoce

Il bullismo intacca la speranza di vita
La vita delle vittime di bullismo è più breve. Lo dice una revisione di una serie di studi sull’argomento presentata nel corso del Congresso italiano di Pediatria che si è svolto a Palermo.
Secondo i dati presentati, gli atti di bullismo, le prevaricazioni e le violenze subite provocherebbero un accorciamento della vita fino a 7-10 anni. A determinare questa riduzione è l’aumento di malattie correlate alle violenze, ad esempio obesità, cefalea, asma, tumori, malattie cardiovascolari.
Il ... (Continua)

06/06/2014 14:18:58 Nuovo modello per riconoscere tempestivamente la malattia
Malattia di Gaucher, un algoritmo facilita la diagnosi
È stato messo a punto da un gruppo di lavoro tutto italiano il primo algoritmo pediatrico per facilitare la diagnosi tempestiva della rara malattia di Gaucher. Si tratta di una condizione ereditaria che colpisce meno di 10.000 persone in tutto il mondo dovuta alla carenza di un enzima che causa l’accumulo di sfingolipidi in diversi organi, principalmente milza, fegato e midollo osseo.
Il modello è stato sviluppato da un gruppo di metabolisti ed ematologi pediatri italiani composto dal prof ... (Continua)
03/06/2014 14:55:00 Sperimentata sui topi l'efficacia degli impulsi luminosi

Un raggio di luce cura l'Alzheimer
La luce potrebbe aiutare i malati di Alzheimer a rallentare il decorso della malattia. Uno studio dell'Università di San Diego coordinato da Robert Malinow ha infatti sperimentato un metodo terapeutico su modello murino basato sull'utilizzo di impulsi luminosi diretti al rafforzamento delle connessioni neuronali del cervello, le famose sinapsi.
La ricerca, pubblicata su Nature, si è concentrata sulla stimolazione ottica di un gruppo di sinapsi geneticamente modificate allo scopo di renderle ... (Continua)

30/05/2014 Effetto collaterale dovuto al trattamento con insulina

Diabete, l'ipoglicemia è il rischio sommerso
Palpitazioni, tremore, ansia, giramenti di testa, confusione: sono questi alcuni dei sintomi percepiti durante un episodio di ipoglicemia, un repentino ed eccessivo abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue che può accadere in una persona dopo l’assunzione di alcuni farmaci per la cura del diabete. Nella forma grave l’ipoglicemia può portare addirittura alla perdita di coscienza e può essere fatale se non si interviene per tempo. Il tema dell’ipoglicemia è stato al centro del simposio ... (Continua)

19/05/2014 17:14:24 Ricerca cinese suggerisce l'utilizzo di metallo liquido

Riconnettere i nervi danneggiati, utopia possibile
Di fronte al danneggiamento dei nervi periferici finora poco si poteva fare. La perdita di funzioni conduce a un'atrofizzazione progressiva dei muscoli colpiti e a uno stravolgimento negativo della qualità di vita del soggetto.
Una ricerca cinese ipotizza però la possibilità di restaurare la funzionalità dei nervi danneggiati grazie all'uso di metallo liquido, che servirebbe a riconnetterli. I nervi ricrescono al ritmo di un millimetro al giorno, il che significa che occorrono molti anni ... (Continua)

19/05/2014 15:25:00 L'associazione aumenta la sopravvivenza
Bevacizumab e chemio per il tumore delle ovaie
In caso di recidiva di un carcinoma ovarico resistente al trattamento con platino, l'associazione fra bevacizumab e chemioterapia aumenta la sopravvivenza. A dirlo è un nuovo studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology da un team dell'Université de Paris Descartes coordinato da Eric Pujade-Lauraine.
La ricerca Aurelia ha coinvolto 361 pazienti affette da cancro ovarico in progressione dopo meno di 6 mesi dal completamento della terapia a base di platino. Le pazienti hanno ricevuto in ... (Continua)
15/05/2014 12:40:00 Intanto va avanti un progetto di ricerca italiano

La pravastatina cura il rene policistico
Per trattare la malattia policistica renale autosomica dominanate (ADPKD) potrebbe essere utilizzata la pravastatina. Ad annunciarlo è uno studio condotto da ricercatori della University of Colorado School of Medicine che hanno pubblicato sul Journal of American Society of Nephrology il resoconto di un'analisi sull'argomento.
La pravastatina è un farmaco abitualmente utilizzato per ridurre il colesterolo, ma pare avere anche l'effetto di rallentare la crescita di cisti renali nei bambini e ... (Continua)

13/05/2014 14:49:06 Ma si può trattare anche di pseudovertigini

Le vertigini, cause e sintomi psicogeni
Come tutti sappiamo la vertigine si contraddistingue per una sensazione rotatoria associata a difficoltà a mantenere l’equilibrio e a camminare.
Ci sono persone però che descrivono la vertigine in modo poco chiaro e confuso come una sensazione di testa leggera o vuota, stordimento e giramento di testa!
Ad un’indagine più approfondita ci si rende conto che non soffrono di una vera vertigine ma di qualcos’altro, le pseudovertigini.
La vertigine è una patologia di relazione con l’ambiente ... (Continua)

09/05/2014 15:35:00 Utile anche per la scoperta delle recidive

Melanoma, il linfonodo sentinella ne indica la gravità
Il controllo del linfonodo sentinella consente di stabilire la gravità del melanoma cutaneo che ha colpito un paziente in base al grado di diffusione delle cellule neoplastiche. Uno studio pubblicato su Plos Medicine ne segnala l'importanza per cercare di capire qual è il rischio di morte che il soggetto corre.
Anja Ulmer, una delle ricercatrici del team delle Università di Tubinga e Ratisbona che ha condotto l'analisi, spiega: “la prognosi di un cancro dipende anche dal grado di ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale