Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 179

Risultati da 1 a 10 DI 179

02/07/2015 14:55:00 Come gestire il passaggio a eslicarbazepina acetato
Raccomandazioni per un cambio di trattamento in epilessia
Passare da un trattamento a base di oxcarbazepina o carbamazepina a uno a base di eslicarbazepina acetato (Zebinix) comporta delle precauzioni per i pazienti epilettici. Sono state pubblicate alcune raccomandazioni a tal proposito sulla rivista Epilepsy and Behavior.
"Sebbene non siano disponibili dati sul confronto diretto tra oxcarbazepina ed eslicarbazepina acetato né tra carbamazepina ed eslicarbazepina acetato, la commissione di esperti ha espresso un consenso unanime sulla necessità di ... (Continua)
24/06/2015 14:41:00 Ma in Italia si operano solo 200 epilettici l’anno
L'opzione chirurgica per l'epilessia
I malati di epilessia hanno enormi difficoltà familiari, scolastiche, sociali, affettive e lavorative ma spesso, dopo l’intervento chirurgico, possono tornare a vivere una vita normale.
“L’intervento chirurgico - spiega Vincenzo Esposito, primario dell’Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia dell’I.R.C.S.S. Neuromed – Pozzilli e docente di Neurochirurgia al Dipartimento di Neurologia e Psichiatria dell'Università la Sapienza di Roma - può essere ipotizzato, con i dovuti criteri di ... (Continua)
03/06/2015 14:34:00 Il ruolo della sostanza bianca cerebrale

Un marker precoce per scoprire l'Alzheimer
La degenerazione della sostanza bianca cerebrale potrebbe rappresentare un marker precoce per la malattia di Alzheimer. Lo suggeriscono i risultati di uno studio italiano finanziato dal Ministero della Salute, firmato da un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, una delle 18 strutture d’eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato e appena pubblicato su Radiology.
“L’Alzheimer – spiega Federica Agosta, ricercatrice presso l’Unità di Neuroimaging Quantitativo ... (Continua)

20/05/2015 09:37:00 Novità possibili sulla risposta al trattamento
Sclerosi multipla, scoperto un nuovo gene implicato
È stata individuata una particolare variante genetica associata alla risposta all’interferone beta, uno dei farmaci usati nel trattamento della sclerosi multipla. La scoperta è dei ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato, in collaborazione con il Brigham and Women’s Hospital di Boston.
La ricerca, pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Annals of Neurology, è stata coordinata dal dottor Filippo Martinelli ... (Continua)
15/05/2015 09:21:00 Trattamento da associare alla Levodopa
Safinamide per il morbo di Parkinson
Il nuovo farmaco Safinamide (Xadago) ha ricevuto la sua prima approvazione, in Germania. Il medicinale è indicato come aggiunta alla sola Levodopa (L-dopa) o in
combinazione con altre terapie farmacologiche per la Malattia di Parkinson in pazienti fluttuanti in stadio medio-avanzato della malattia.
Il Prof. Heinz Reichmann, Direttore del Dipartimento di Neurologia dell'Università di Dresda, ha dichiarato: "quando il paziente con Malattia di Parkinson non è controllato in modo ottimale dal ... (Continua)
16/04/2015 14:27:00 Identificato nell'area cerebrale Locus Ceruleus
Scoperto nuovo meccanismo dell'ADHD
Un team di ricerca italiano ha scoperto, su modelli animali, che l’assenza di un particolare enzima causa un disturbo riconducibile alla sindrome da iperattività e deficit di attenzione dell’età infantile e adolescenziale (ADHD nella sigla inglese).
La scoperta, pubblicata sulla rivista internazionale EMBO Molecular Medicine, apre la strada a una maggiore comprensione dei meccanismi di questa patologia e a nuove prospettive di terapia. È stata effettuata da ricercatori del Dipartimento di ... (Continua)
15/04/2015 Nuove speranze grazie a una ricerca americana

Scoperta la causa dell'Alzheimer
Un team di ricercatori della Duke University potrebbe aver scoperto la principale causa di insorgenza dell'Alzheimer. È il risultato di uno studio apparso sul Journal of Neuroscience e condotto su modello murino.
Gli scienziati guidati da Carol Colton, docente di Neurologia presso la Duke University School of Medicine, hanno scoperto che un tipo di cellule del sistema immunitario del cervello – le microglia – vanno incontro a una modificazione contemporanea all'insorgere dell'Alzheimer ... (Continua)

16/03/2015 16:00:00 L'uso da giovani compromette le performance cognitive

Memoria a rischio con la marijuana
Consumare marijuana da giovani può compromettere la memoria a lungo termine da adulti. È ciò che afferma una ricerca pubblicata su Hippocampus da un team della Northwestern University.
L'autore dello studio, John Csernansky, spiega: “dal nostro studio emerge che la cannabis è in grado di danneggiare selettivamente quelle aree cerebrali deputate alla memoria a lungo termine che utilizziamo ogni giorno per risolvere i problemi più semplici”.
Ad essere danneggiato è soprattutto l'ippocampo, ... (Continua)

11/03/2015 Approvata la nuova terapia orale di prima linea
Sclerosi multipla, disponibile il dimetilfumarato
Una nuova arma contro la sclerosi multipla è disponibile per gli oltre 70 mila italiani che convivono con questa malattia neurologica, la più comune tra i giovani adulti, che nella maggior parte dei casi scoprono la malattia tra i 20 e i 40 anni, con un rapporto donna:uomo di circa 2,5:1.
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha recentemente approvato la rimborsabilità della nuova terapia dimetilfumarato per il trattamento della Sclerosi Multipla Recidivante Remittente (SMRR), la più comune forma ... (Continua)
20/02/2015 12:37:20 Le cellule cutanee mostrano gli stessi segni dei neuroni
Sulla pelle i segreti della Sla
Ricercatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma hanno scoperto che le cellule della pelle di pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (SLA) o morbo di Lou Gherig presentano gli stessi segni di malattia dei neuroni e sono dunque un ottimo modello sperimentale per studiare la malattia.
L’importanza della scoperta è tale che le linee cellulari studiate saranno messe a disposizione di tutti i ricercatori nella prima Biobanca nazionale dedicata alla SLA, ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale