Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Gelosia e stalking, un'area cerebrale li attiva

Lo squilibrio di un'area specifica predispone a comportamenti deviati

Varie_5837.jpg

Rabbrividire al semplice arrivo di un sms, sentirsi continuamente spiati e controllati, vivere da reclusi in casa propria. Sono solo alcune delle conseguenze di un comportamento aggressivo e deviato come lo stalking, che degenera spesso anche in casi di omicidio e di suicidio.
La forma delirante ed esasperata di gelosia a cui lo stalking è associato pare abbia origine dallo squilibrio di una zona cerebrale ben precisa, che alcuni ricercatori dell'Università di Pisa hanno analizzato, pubblicando gli esiti del loro studio sulla rivista CNS – Spectrums della Cambridge University Press.
Gli autori dell'articolo sono convinti che alla base di tali comportamenti vi sia una disfunzione della corteccia frontale ventro-mediale, area del cervello preposta alla gestione di complessi processi cognitivi e affettivi.
Una delle autrici dell'articolo, Donatella Marazziti, spiega: “abbiamo elaborato ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | gelosia, stalking, cerebrale,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 55707 volte