Stampa la pagina | Close Window

emicrania con aura e sport

Stampato da: www.italiasalute.it
Categoria: Neurologia
Nome del Forum: Medico: Dott. Paolo Mainardi - Neurochimico
Descrizione del forum: Risposte alle domande
URL: http://www.italiasalute.it/forum/forum_posts.asp?TID=7396
Data di Stampa: 22 Luglio 2014 alle 21:33
Versione del Software : Web Wiz Forums 8.04 - http://www.webwizforums.com


Topic: emicrania con aura e sport
Postato da: spiderman84
soggetto: emicrania con aura e sport
Postato in data: 23 Agosto 2010 alle 12:21

Salve sono un ragazzo di 25 anni e soffro da molti di emicrania con aura. Non mi si manifesta spesso come ad altre persone, in genere passano tra i 2 e i 5 mesi di tempo fra un attacco e l'altro. Così non ho mai preso nulla per contrastarla.  Gli attacchi mi vengono ancora meno spesso di tempo fà anche perchè non mangio più i formaggi e ho notato che nel mio caso, in questo modo, gli attacchi mi vengono meno spesso.                                                             

Il problema è nato ultimamente che avevo deciso di andare a correre mezz'ora per tre volte a settimana. Dopo 2 settimane di attività in un mese mi sono venuti tre attacchi di emicrania con aura, così non sono andato più a correre e le cose sono subito migliorate.                             Molto tempo fà facevo body building e ho fatto anche kick boxing ma non avevo mai notato che tramite lo sport mi aumentassero gli attacchi: se è successo non me nè sono reso conto perchè non è che gli attacchi se mi sono aumentati, sono aumentati poi molto in quelle occasioni.
Quindi volevo fare un pò di domande e vedere se gentilmente potete consigliarmi.
 
1)Prima cosa volevo sapere se tutti i tipi di sport fanno aumentare gli attacchi di emicrania, perchè a questo punto volevo provare con altri, avevo pensato la Thai Boxe. 
2)Seconda cosa volevo sapere se ci sono modi per evitare che l'emicrania mi si presenti in determinate occasioni, per esempio mettiamo che io suono in un gruppo rock e voglio evitare che mi venga l'attacco proprio nel giorno in cui mi esibisco, si può fare?
3)Terzo volevo sapere se esistono compresse, pastiglie, medicine, o qualsiasi cosa, che mi permettano di fare sport senza che gli attacchi di emicrania aumentino o addirittura di non farli venire più.
Grazie.
 
  
                                                                                     



Risposte:
Postato da: paolomainardi
Postato in data: 24 Agosto 2010 alle 18:24
molto spesso l'emicrania è dovuta ad elevati livelli di istamina, che proviene dalla decarbossilazione di un ammino acido, l'istidina. Una flora alterata provoca una eccessiva decarbossilazione dell'istidina, infatti elevati livelli di istamina sono stati riscontrati nei pazineti emicranici.
 
L'istamina viene fatta inalare per produrre emicrania nei modelli sperimenatli e d è anche noto che cibi ricchi di istamina o di istidina in pressenza di flora intestinale disbiotica, provocano emicrania. Eliminare i formaggi le evita un'assunzione di istamina, ma non le risolve il problema di un intestino disbiotico che viene meno alla sua funzione più importante: proteggerla.
 
Per quanto riguarda lo sport la differenza può essere tra sport anaerobico e aerobico. 30 minuti di corsa potrebbero aver costituito uno sforzo di tipo anaerobico, molto dipende da come si è svolta la corsa. Un mio compagno di corsa, campione europeo, consigliava di iniziare con sedute di non oltre 20 minuti seguiti da almeno 10 minuti di camminata con ampie e profonde espirazioni. Infatti nella corsa si rischia di andare in iperossigenazione.
 
Anche correre in modo scoretto porta a sollecitazioni intestinali, ma questo non credo che sia il suo caso dato il preve periodo. Se non si assorbono correttamente i colpi del terreno, questi si ripercuotno nell'intestino casuando processi infiammatori intestinali che sono stati dimostrati essere responsabili di un abbassamento della sintesi di neuropetidi cerebrali, alcuni dei quli coinvolti nelle emicranie.
 
Se vuole risolvere il suo problema le consiglio di valutare la sua disbiosi intetsinale: analisi di indolo e scatolo nelle urine e di istamina nel sangue.
In caso di valori elevati potrà assumere integratori prebiotici (diversi dai probiotici) che ripristinando una corretta flora intestinale impediranno gli attacchi emicranici


-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 24 Agosto 2010 alle 20:16
La ringrazio per la risposte, certe cose me le ha dette solo lei e nè ero del tutto ignaro.
Lo sport che ho eseguito era anaerobico la prima settimana, e cmq non ho corso veloce, aerobico la seconda perchè in questo caso camminavo per 10 minuti poi facevo 30 minuti di corsa lenta, senza faticare e d10 minuti di defaticamento, poi sono iniziati gli attacchi.
Per le analisi mi devo rivolgere da un neurologo o devo parlarne col medico curante?
Grazie ancora.


Postato da: spiderman84
Postato in data: 25 Agosto 2010 alle 20:35
Sono andato dal medico curante, mi ha detto prima di tutto di lasciare perdere il computer per certe cose, poi ha detto che questo tipo di analisi non le ha mai prescrtitte e non le passa la mutua.
Non è il suo campo ma dice che le sembrano strane queste analisi. Io ovviamente non gli dò retta e voglio farmele ma privatemente non sò dove andare, devo vedere. grazie del consiglio poi le faccio sapere


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 26 Agosto 2010 alle 09:38
In effetti ci sono pochi laboratori in Italia che effettuano queste analisi. Io stesso sto cercando di realizzarle in una struttura pubblica, ma con molte difficoltà.
 
Se mi scrive anche un messaggio privato indicandomi dove vive posso cercare qualche laboratorio che le esegue.
 
Negli utlimi anni sono stati pubblicati molti lavori scientifici su riviste autorevoli che dimostrano il ruolo dell'intestino in diverse patologie neurologiche. Purtroppo molti medici non leggono le riviste scientifiche. 


-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 03 Settembre 2010 alle 14:12
Ciao, la segretaria di uno dei laboratori che mi ha invitato per le analisi, quando ho chiamato, ha detto che l'esame di "istamina" nel sangue lo fanno, mentre invece non ha capito quelle di "indolo e scatolo" nelle urine che tipo di analisi sono. Hanno un nome questo tipo di analisi o c'è un modo per far capire alla segretaria di che analisi si tratta?
Grazie.
p.s. Avevo provato a risponderle in privato come prima, ma mi dice sempre che ha superato il numero di messaggi privati che può ricevere.


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 03 Settembre 2010 alle 14:52
libererò la mia casella di posta.
L'esame è scatolo e indolo nelle urine, in realtà l'indolo nelle urine è sottoforma di indicano.

-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 26 Febbraio 2011 alle 13:02
dottore sono riuscito finalmente a fare le analisi, le risposte sono le seguenti:

aspetto del siero                                 limpido

disbiosi intestinale
indolo urinario (met. spettrofotometrico)              41,80(confermato)<20mg
scatolo urinario (met. HPLC)                                    7,10               
istamina (met. HPLC)                                                0,2                0,3-1,00

mi sembra siano andate abbastanza bene.
secondo lei questi valori possono essere la causa dell'emicrania?
se non è così che altro posso fare?  :(


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 26 Febbraio 2011 alle 21:02
Abbastanza bene?
L'indolo (o meglio indicano) è più del doppio. Il suo intestino sta decarbossilando il triptofano, quindi il livello ematico di questo ammino acido sarà diminuita, diminuita la sua captazione cerebrale ed infine la sua trasformazione in serotonina.

La invito a ripetere questa analisi dopo 3 mesi di regolari somministrazioni di Serplus, le sue azioni prebiotiche, riducono la decarbossilazione del triptofano.
Il valore basso di istamina indica che le sue emicranie sono originate da un basso livello di NPY cerebrale, responsabile della soglia del dolore, no ad alti livelli di istamina.
Questo può spiegare l'insorgere dell'emicrania dopo sforzo fisico.

-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 27 Febbraio 2011 alle 18:20
dottore pensi, io credevo fossero andate bene perchè pensavo che l'indolo bastava fosse maggiore di 20 mg a vedere come stà scritto nel foglio.
quindi lo scatolo sta bene?
per aumentare l'istamina mi affido sempre a serplus o devo stare attento a qualcos'altro, o assumere qualcos'altro?
c'è qualcosa che devo evitare di mangiare o bere, oltre ai formaggi come già faccio?
rischio qualcosa con questi valori, mi è venuta un pò d'ansia...
il serplus lo posso acquistare in una normale farmacia? c'è bisogno di ricetta? quanto costa?

grazie come sempre del suo aiuto, stà facendo molto per me.

un'altra cosa. devo ripetere tutte e tre le analisi tra tre mesi? o basta ripetere quella dell'indolo e dello scatolo?


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 08 Marzo 2011 alle 10:22
il serplus lo può acquistare in farmacia, a breve avremo una distribuzione capillare. Se la sua faramcia non lo trova ancora dai suoi distributori può acquisatrlo direttamente dalla kolfarma, cosa che può fare anche lei telefonando allo 010 8939770.
é registrato come integratore alimentare, quindi non encessita di prescrizione medica.
 
Può ripetere solo l'indoloe scatolo.


-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 09 Marzo 2011 alle 21:44
dottore domani mi arriva il serplus, l'ho ordinato alla farmacia vicino casa, solo che mi hanno detto che costa 45 euro, è giusto o me lo stanno facendo pagare troppo?

poi volevo sapere nel mio caso qual'è la giusta posologia da seguire.

cmq c'è anche un altra cosa che volevo dirle e che non ho detto fin'ora, soffro anche di stitichezza, un pò di ansia, e ho poca memoria.

grazie.




Postato da: paolomainardi
Postato in data: 10 Marzo 2011 alle 00:22
il prezzo in farmacia è quello.
assuma 3 cps al di, distribuite nella giornata a stomaco vuoto e almeno mezz'ora prima di pasti proteici. le cps vanno masticate.
vedrà che migliorerà anche l'intestino, se vuole aggiunga integratori di frutto oligosaccaridi (FOS)

-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 10 Marzo 2011 alle 15:19
scusi dottore ho dimenticato di dirle che la sera assumo già un integratore anti dht per la calvizie. volevo sapere se ci sono problemi a usarlo insieme al serplus.
i componenti di questo integratore sono:
Estratto di Saw Palmetto (Serenoa repens) standardizzato al 45% di acidi grassi, Lino (Linum usitatissimum) semi estratto secco titolato al 20% in lignani, Beta Sitosterolo, estratto di radice di Ortica (Urtica  dioica), estratto di alga Haematococcus pluvialis (titolato al 5% in astaxantina), Zinco gluconato, Silice, Rame.

per l'assunzione ok assumo il serplus tre volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.

per gli integratori di frutto oligosaccaridi (FOS) ce nè qualcuno che  consiglia in particolare?

cmq ho visto che questi ultimi riducono anche i trigliceridi,
pensi che più di qualche volta ci sono stati periodi in cui avevo i trigliceridi un pò più alti del normale. e il colesterolo associato a questi, adesso non mi ricordo di preciso quale, leggermente più basso.
quindi si vede che è una persona molto preparata :)

grazie per tutte le risposte come sempre.


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 15 Marzo 2011 alle 21:34
Noon c'è alcuna controindicazione con il suo integratore per le calvizie. Anzi, se la sua calvizia dipende da un intestino troppo permeabile, potrebbe vedere un miglioramento. Molto spesso la perdita di capelli è associata a stress, stress che altera l'intestino.
Come integratori di FOS scelga tra quelli che contengono almeno 1-1.5 g di FOS per somminsitrazione (es xflor)


-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: spiderman84
Postato in data: 15 Marzo 2011 alle 22:59
ma l'integratore di fos lo devo usare sempre? o a cicli?


Postato da: spiderman84
Postato in data: 22 Marzo 2011 alle 00:47
Per adesso uso solo il serplus. Lo inizio da questa mattina. Poi le faccio sapere...

p.s. ho letto sulla scatola che le compresse vanno prese di mattina, a mezzogiorno e di sera.
a volte mi capita di alzarmi alle 11 come stamattina. ho preso subito una compressa e dopo mezz'ora ho fatto colazione.
volevo sapere se alle 12 e 30 (un ora dopo aver fatto colazione, mezz'ora prima di pranzare) posso già prendere un altra compressa o se conviene aspettare il pomeriggio per non fare assunzioni troppo vicine. questo lo dico perchè a me capita spesso di alzarmi tardi.
un altro dubbio che ho è: quanto tempo dopo aver mangiato si può dire di avere lo stomaco vuoto?

un'altra cosa che volevo sapere è se posso continuare ad avere le mie stesse abitutidi sui cibi che mangio e sul fatto che mi capitano quelle sere in cui bevo alcolici con gli amici, capita anche la sera in cui bevo un pò di più del solito.

grazie di tutto, come sempre.




Postato da: spiderman84
Postato in data: 04 Aprile 2011 alle 11:19
dottore quando ha tempo può rispondere alla mia ultima domanda. grazie.


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 04 Aprile 2011 alle 14:32
le somministrazioni andrebbero distribuite nell'arco della giornata.
Lo stomaco vuoto dipende dalla quantità di cibo e dal tipo di cibo, in genere si considera 2-3 ore dopo il pasto proteico. I carboidrati sono assorbiti più velocemente.
Una dieta può aiutare: aumenti la frutta, a stomaco vuoto, prima dei pasti, quindi, e non dopo. Aumenti l'apporto di grassi, es. olio di oliva extravergine, i trigliceridi, es olio di pesce, riduca i carboidrati semplici a favore di quelli a basso indice glicemico.

L'alcool ha un effetto negativo nell'intestino, eviti superalcoolici e beva con moderazione.

-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769



Stampa la pagina | Close Window

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.04 - http://www.webwizforums.com
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide - http://www.webwizguide.info