Stampa la pagina | Close Window

amaurosi bilaterale di ndd

Stampato da: www.italiasalute.it
Categoria: Oculistica
Nome del Forum: Dott.Pascotto trasferito www.okmedicina.it
Descrizione del forum: Risposte alle domande di oculistica e chirurgia oculare
URL: http://www.italiasalute.it/forum/forum_posts.asp?TID=2999
Data di Stampa: 22 Settembre 2014 alle 20:12
Versione del Software : Web Wiz Forums 8.04 - http://www.webwizforums.com


Topic: amaurosi bilaterale di ndd
Postato da: sistina29
soggetto: amaurosi bilaterale di ndd
Postato in data: 03 Settembre 2008 alle 17:26

Egregio dott.Pascotto,

(MI SCUSO IN ANTICIPO PER LA NON SINTETICITà DEL MESSAGGIO)le espongo il problema, mia suocera in data 14/07/08 è stata ricoverata con diagnosi provvisoria di amaurosi bilaterale di ndd in paziente affetta da ipertensione arteriosa e dindrome depressiva anamnestiche già in trattamento, diabete mellito tipo II di recente riscontro.
 
A oggi 3/09/08 la situazione è rimasta invariata. Premetto che la cecità è stata improvvisa in quanto due giorni prima del ricovero non rilevava alcun problema alla vista tranne un leggero fastidio all'occhio destro. La prima settimana di ricovero a giorni alterni ha visto per brevi istanti anche se in maniera non del tutto nitida, dopo di che niente più. Solo dopo la cura di cortisone (somministrata a 25mg/d) si sono verificati 2 brevi episodi.
 Mia suocera dal ricovero ad oggi dice di vedere solo grigio chiaro.
 
Le riporto i referti medici e a seguito le mie domande:
 
 
Le sono stati effettuati i seguenti esami ematici:
- TAC CEREBRI D' URGENZA il 14/07/08: sostanzialmente negativa;
- RX TORACE il 16/07/08: calcificazioni parietali aortiche (modesto      
  ingrandimento dell'ombra cardiaca);
- ECG 14/07/08: RS Segni di IVS;
- Videat oculistico n.1 il 15/07/08: pupille in media midriasi non reagenti..pupilla ottica ed ematosa, rilevata sul piano, a margini sfumati;
- Videat neurologico il 16/07/08: Riferita amaurosi 00 insorta nell'arco di 
  ore;
- TAC cerebri senza mdc il 29/07/08: Negativa;
- RMN encefalo con mdc il 30/07/08: esiti gliotici su verosimile base
  microcircolatoria. Sistema ventricolare in asse..non potenziamenti    
  di significato patologico dopo somministrazione di ev di mdc;
- Videat oculistico n.2 il 31/07/08: permane amaurosi FOO: appare meno
  edematosa la papilla ottica. Consiglio prednisone poi controllo;
- Videat oculistico n.3 il 5/08/08: visus 00 invariato. Fundus OD: papilla
  ottica a margini neti, non aspetti emorragici. Fundus OS: papilla ottica
  sfumata con fini emoraggie a fiamma peripalillari e lieve sollevamento
  edematoso. Continua Deltacortena 25x2. Si consiglia biopsia arteria
  temporale destra (papilla ottica destra lievemente più pallida);
- Biopsia arteria temporale destra dx eseguita 8/08/08
- esami ematici sostanzialmente negativi, incluso tutto il pattern
  autoanticorpale e virologico per fatti acuti: PCR  da circa 100 all'ingresso a 19,4mg/L alla dimissione.
 
L'amaurosi si è mantenuta tele per tutta la durata del ricovero.
SI è escluso un possibile intossicamento da uso di farmaci depressivi che la paziete usa da anni sotto consiglio specialistico.
 
L'esame istologico art. temporale dx non indicativo di arterite di Horton.
L'anatopatologo esclude caratteri specifici dei fenomeni flogistici a carico del tratto esaminato.
 
Vista la negatività degli esami si propende per la diagnosi di: Otticopatia ischemica anteriore non arteritica.
 
Si consiglia un tentativo terapautico incrementando le dosi di cortisone(Deltacortene) a 50mg/d per 2 settimane sotto stretto controllo clinico.
 
LE MIE DOMANDE SONO: è giusto preseguire una cura cortisonica se è stata esclusa una arterite di Horton?
 E' vero che la biopsia può risultare negativa anche perchè è di difficile rilevazione se non è prelevato il tessuto nel giusto punto?
E' possibile propendere per un otticopatia ischemica anteriore anche se TAC e risonanza con mezzo di contrasto sono negative?
Esiste qualche esame che andrebbe fatto ed potrebbe evidenziare il problema?
Secondo lei il problema è più oculistico, neurologico...o cosa?A quale tipologia di specialisti mi devo rivolgere?Esistono centri che si occupano di questi casi particolari?
NON SO DAVVERO PIù COSA FARE.
 
Tengo a precisare che nel reparto di medicina interna in cui è stata ricoverata i suoi colleghi si sono prodigati per cercare di risolvere il problema.
Attendo una sua risposta.
 
Cordiali saluti.
 



Stampa la pagina | Close Window

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.04 - http://www.webwizforums.com
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide - http://www.webwizguide.info