Stampa la pagina | Close Window

vertigini sussultorie senso di schiacciamento

Stampato da: www.italiasalute.it
Categoria: Neurologia
Nome del Forum: Medico: Dott. Paolo Mainardi - Neurochimico
Descrizione del forum: Risposte alle domande
URL: http://www.italiasalute.it/forum/forum_posts.asp?TID=10818
Data di Stampa: 18 Dicembre 2014 alle 10:30
Versione del Software : Web Wiz Forums 8.04 - http://www.webwizforums.com


Topic: vertigini sussultorie senso di schiacciamento
Postato da: purbane
soggetto: vertigini sussultorie senso di schiacciamento
Postato in data: 20 Novembre 2011 alle 18:09
Buonasera,
troverete questo post anche nella sezione otorino, ma vissto il mio trascorso vorrei avere anche un parere neurologico. Un mese fa ho fatto un http://click.juiceadv.com/banner_showext.asp?url=5316495 - viaggio aereo ed all'arrivo, entrando nell'appartamento, ho avuto come la sensazione di trovarmi su una nave che, con il suo fluttuare, ti da la sensazione di essere schiacciato al suolo.
Inizialmente era molto vaga questa sensazione e si manifestava solo all'interno della casa. Al mio ritorno ho chiamato la mia neurologa che mi ha prescritto cinazyn. Ho preso il cinazyn dal 24 ottobre al 3 noembre. Il 4 novembre sono stato visitato dalla neurologa visto il persistere della sintomatologia che, nel frattempo, era aumentata.
La visita ha dato esito negativo. Mi ha prescritto allora il laroxyl e mi ha preso appuntamento con un otorino di sua fiducia. In data 14 novembre ho svolto la visita dall'otorino che ha dato anch'essa esito negativo, ha effettuato la manovra per le vertigini parossistiche (non ricordo se si dice cosi) ma al controllo con la lente di frenzen non ha riscontrato alcun nistagmo. La neurologa, che coordina il http://click.juiceadv.com/banner_showext.asp?url=3784885 - tutto , ha allora pensato di farmi fare un ecocolordoppler al collo che ho fatto due giorni dopo ma anch'esso con esito negativo tranne una piccola asimmetria nel flusso che, a seconda del medico, è funzionale e presente nella maggior parte di noi.
Negli ultimi giorni la situazione è assai peggiorata. A letto e seduto sto un po meglio ma in piedi ho questa fortissima sensazione di schiacciamento. a oggi avverto anche come una pressione alle meningi costante.
Stavo pensando se il cinazyn preso dal 24/10 al 3/11 non avesse potuto falsare l'esito della visita dell'otorino. Ad ogni modo la neurologa ora pensa a farmi fare una risonanza magnetica all'encefalo. Sinceramene sono molto spaventato, leggendo qua e la su http://click.juiceadv.com/banner_showext.asp?url=3784885 - internet pare che abbia tutti i sintomi della cupolitiasi ma ho richiamato addirittura l'otorino che mi ha visitato chiedendo lumi su questo fatto e mi ha detto che è stata la prima cosa che ha pensato ma che l'assenza di nistagmo ha escluso.
Nel frattempo la mia situazione è sempre peggio, non sono andato neanche a lavorare tanto mi da fastidio. Non so più che pesci piglliare, vorrei anche qualche parere diretto dai forum, da qui il mio post.
Per dovere di cronaca debbo dire che nel 1998 ho avuto una neuropatia autoimmune che mi ha colpito specialmente le gambe. Dopo un ciclo di immuoglobuline, alla fine l'attacco cessò, ma il danno, seppur regredito, è rimasto. Di tanto in tanto ho debolezza alle gambe con aumento delle fascicolazioni, presenti comunque quasi sempre dopo uno sforzo. A giugno di quest'anno, dopo un periodo in cui si era rimanifestata la debolezza, la neurologa mi ha prescritto il depakin che ho smesso solo da poco visto che ha causato un aumento degli eosinofili. Se non avessi avuto la patologgia attuale, la d.ssa me lo avrebbe fatto riprendere visto che l'aumento indotto degli eosinofili non è preoccupante. La presenza di questa patologia ha fatto in modo che la d.ssa soprassedesse alla somministrazione. Comunque, quando si è presentata la vertigine, prendevo ancora il farmaco, quindi non può essere stato causato dalla sua sospensione. L'elemento che mi fa propendere per il lato otorinico è che http://click.juiceadv.com/banner_showext.asp?url=3784885 - tutto è iniziato dopo un http://click.juiceadv.com/banner_showext.asp?url=5316495 - viaggio aereo, che potrebbe aver causato quacosa nelle mie orecchie.
Spero di aver esposto quanto più dettagliatamente possibile il mio problema, e aspetto con ansia qualche risposta.
Purbane.



Risposte:
Postato da: No medicina
Postato in data: 20 Novembre 2011 alle 19:54
Ciao sono un semplice frequentatore del forum, non un esperto. Il dott. Mainardi saprà consigliarti.
 
Ti racconto un pò della mia storia in modo che tu possa capire il perchè del mio suggerimento. Soffro di disturbi ansiosi che hanno compromesso e continuano a compromettere la mia vita. Ho provato tutto ciò che di solito si consiglia a coloro che hanno disturbi come il mio (varie terapie a base di farmaci, psicoterapia). Non ho avuto risultati. Da poco tempo assumo serplus e spero di smettere i farmaci.
Le mie ricerche su internet mi hanno portato a scoprire che nella cura dei disturbi neurologici e psichiatrici esistono anche altri strumenti. Solo che questi strumenti (o "idee diverse") sono poco conosciuti. (Vedi ad es. l'uso della alfalattoalbumina proposto, sulla base di solide evidenze scientifiche, dal Dott. Mainardi).
Un altra via è quella seguita dai neurologi chiropratici. Questi sono dei dottori chiropratici con specializzazione in neurologia, presenti soprattutto in America (in Italia ce ne sono pochi e nessuno lo sa, io li ho scoperti cercando sul sito acnb.org, ho anche avuto un contatto mail con uno che sta ad Arezzo). Il padre della neurologia chiropratica americana è Frederick Carrick.
Premetto che capisco bene l'inglese, e così cercando su youtube ho trovato moltissimi video di questi chiropractic neurologists.
Molti sono i video in cui parlano della cura delle vertigini (digita vertigo e dizziness + chiropractic neurologist).
Il loro approccio prevede l'uso di esercizi mirati a potenziare il funzionamento di zone del cervello il cui ipofunzionamento è alla base del disturbo. Come fanno? Usano esercizi come il metronomo interattivo e molto altro. Sono esercizi e quindi pratiche non invasive che potenziano determinate aree e stimolano la neuroplasticità del cervello in modo che possa "autoripararsi". Tra l'altro prendono sotto esame l'individuo in tutti i suoi aspetti, con esami clinici molto dettagliati. Anche per individuare cause autoimmuni. (Tra l'altro tu racconti di aver avuto una neuropatia autoimmune).
Ecco la pagina su youtube di uno di loro che sembra bravissimo (uno che insegna anche nei corsi di laurea per chiropratici): http://www.youtube.com/user/clarkchiro#p/u - http://www.youtube.com/user/clarkchiro#p/u  ,guarda tutti i video del suo canale che parlano di vertigo e dizziness. Credimi, hanno grande successo nel trattare le vertigini.
In Svizzera a Losanna c'è forse il più importante neurologo chiropratico europeo, si chiama Yannick Pauli (ha anche due canali su youtube), parla anche in francese.
Io credo che andrò da quest'ultimo appena metto daparte un pò di soldi.
 
Ecco un altra pagina di questo forum, in cui parlo delle terapie dei neurologi chiropratici con molti link a video su youtube : http://www.italiasalute.it/Forum/forum_posts.asp?TID=10411&PN=1 - http://www.italiasalute.it/Forum/forum_posts.asp?TID=10411&PN=1  .
Ciao.


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 21 Novembre 2011 alle 23:10
dato gli esami negativi, quelli riportati, la causa potrebbe essere stata semplicemente l'aria condizionata dell'aereo che ha congestionato un eccesso di muco portando a stati infiammatori. Una semplice VES elevata potrebbe essere a supporto, sicuramente però in maniera aspecifica.
La risonanza permetterà di evidenziare la presenza di processi infiammatori, di edema, etc.
Non è da escludere l'origine autoimmune, questo può aver provocato un eccesso di muco, soprattutto se non è un fumatore, altrimenti il fumo stesso aumenta la secrezione di muco delle vie aeree.
Perchè. mentre aspetta la risonanza, non prova con dei fluidificanti e aereosol terapia?
Le vertigini possono derivare da moltissime cause, per molte di queste non è da escludere che la chiroterapia possa portare a giovamento, ma, mi piace essere consequenziale, nel suo caso il fattore scatenante è stato il viaggio in aereo, almeno si può supporre. A noi tutti sarà capitato di avvertire maggiormente la variazione di pressione durante un atterraggio se siamo raffreddati, quindi con muco che ostacola il riequilibrarsi della pressione tra la parte interna ed esterna del timpano. Il labirinto non è molto distante, una sovrapressione momentanea può manifestare vertigini, ronzii. Sono riportate vertigini dopo mesi da traumi,e s cadute, che provocano il distacco degli otoliti

-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: purbane
Postato in data: 22 Novembre 2011 alle 01:37
Ciao no medicina, ho visto i video che mi hai linkato ma ammetto di averci capito poco o nulla. Già con l'inglese ascoltato sono una frana (riesco meglio a scriverlo e parlarlo che a capirlo...) se poi ci aggiungi che usava anche dei termini medici che non capisco neanche in italiano, il gioco è fatto.
Attendo ancora la risposta del dott. Mainardi prima di valutare eventuali pratiche alternative (che comunque non escludo a priori ma che terrò in considerazione). Grazie comunque per la risposta.
purbane


Postato da: purbane
Postato in data: 22 Novembre 2011 alle 01:52
Accipicchia, avevo la pagina aperta al post e non avevo visto la risposta del dott. Mainardi. Che io mi ricordi non sono partito raffreddato ma se non comprendo male, non era questo un elemento fondamentale.
In questo mese ho messo di tutto nel naso, anche perchè due settimane fa è venuto anche il raffreddore che ho superato in 5 giorni. Ho messo gocce di Argotone e fatto aerosol con prontinal ma immagino di aver saltato il farmaco indicato da lei dott. Mainardi, ossia il mucolitico. Da un'analisi dell'orecchio non vi erano stati infiammatori. Di certo comunque è che non ero raffreddato quando sono andato (ne quando sono tornato anche se il problema si è manifestato in modo assai più lieve di ora, già dall'arrivo).
Questo senso di schiacciamento o di essere su una nave con mare mosso, è sempre presente nella posizione eretta, da seduto rimane solo un senso di pressione all'altezza delle meningi, ma basta che mi alzo torno a sentire questa sensazione fortissima di schiacciamento al suolo.
Per fare un altro esempio, come se un ascensore partisse di scatto e ti schiacciasse al suolo, poi scendesse e riprendesse a salire, e così via per tutto il tempo.
Riporto l'esito della visita otorinica:
Otoscopia negativa, non segni di deficit dei
nervi cranici (VIº-VIIº-IIIº-IVº-IXº-Xº-XIIº).
Valutazione vestibolare:
Assenza di NY spontaneo posizionale con lenti di Frenzel in posizione seduta, supina, testa latero ruotata a destra e sinistra, Rosi (o Rox...non capisco cosa c'e'scritto).
Assenza di Ny evocato da movimenti oculari.
Negativa la ricerca del Ny parossistico vertico rotatorio od orizzontale alle
manovre diagnostiche per canalitiasi (non caspico bene questa parola) dei C.S.P e C.S.L., HST negativo.
Conclusioni: non segni di labirintopatia in atto.
A giugno avevo ionvece questa situazione autoimmunitaria:
Ab Anti muscolo liscio Debolmente positivo
Metodo analitico I.F.A.  positivo, pattern punteggiato 1:80
Metodo analitico dot blot GM1 (IgM) positivo
Metodo analitico dot blot GM2 (Igm) positivo
Metodo analitico dot blot GM3 (IgM) positivo
Metodo analitico dot blot GT1b (Igm) positivo
AB anti citoplasma neutrofili (cANCA) 7.30 Ul/ml  (range normalità 0.00-3.50)
La neurologa a giugno mi prescrisse il depakin crono per le fascicolazioni e la debolezza alle gambe ed ho tratto giovamento, solamente che si sono alzati gli eosinofili ad un controllo di "emocromo completo" ed allora l'ha sospeso per vedere se gli eosinofili fossero calati e dipendevano effettivamente dall'assunsione del depakin, cosa che si è confermata da un successivo emocromo dopo alcuni giorni di sospensione del farmaco.
Ora non sto assumendo nulla, dopo aver preso il cinazyn prima ed il laroxyl poi, sempre dietro prescrizione della neurologa.
Grazie per la risposta e spero averle fornito un quadro più completo.
purbane.


Postato da: purbane
Postato in data: 25 Novembre 2011 alle 11:26
Buongiorno, vorrei aggiornare la mia situazione qualora fosse d'aiuto per coloro che hanno la mia stessa sintomatologia.
Ieri ho fatto una duplice visita, prima da un secondo otorino (scusate il gioco di parole) poi dalla neurologa.
Questo otorino mi ha riscontrato una sinusite etmoido sfenoidale,
descrivendomi esattamente tutti i sintomi che da oltre un mese io sto
cercando di spiegare a tutti (schiacciamento, sensazione di trovarsi su
una barca ecc..). Mi ha fatto un esame (di cui non ricordo il nome) che
consisteva nell'infilarmi a turno sulle due narici del naso, un
tubicino con la punta mobile ed una telecamerica con una luce per
vedere all'interno. Praticamente avevo tutto quello che si poteva avere
(otite acuta, timpano retratto, deviazione del setto nasale, e altre
cose che non ricordo....qualcosa con adenoidi mi pare).
Visivamente ha
poi notato un nistagmo quando guardavo a sinistra, a conferma della
sofferenza dell'apparato vestibolare. Mi ha detto che, comunque, questa
sinusite non è la classica sinusite batterica che può prendere la
maggior parte di noi, ma potrebbe essere solo una conseguenza della
quale bisogna ancora individuare la causa che può essere, alla luce
delle analisi che postai anche a te a giugno, di origine autoimmune
come ad esempio una tiroidite o una vasculite cerebrale su basi
autoimmunitarie. Purtroppo non ho potuto fornirle tutti i dati degli
ultimi emocromi e studi della tiroide perchè la neurologa mi prendeva
il sangue presso il suo studio, se lo portava in ospedale e li lo
faceva analizzare ma i risultati se li è tenuti lei, comunicandomi
solamente che era tutto a posto.
Dopo tre ore sono stato visitato anche
dalla Neurologa e debbo dire che qualche dubbio me lo ha messo.

Innanzitutto ha detto che gli anticorpi della tiroide li ho fatti ed
erano tutti a posto e che, comunque, qualora gli anticorpi fossero
stati presenti, non ci sarebbe stato niente di preoccupante se gli
ormoni erano nella norma (e  questa è stata la prima cosa). Il nistagmo
che ha visto l'otorino, per la neurologa non era un nistagmo ma un
semplice assestamento dell'occhio. Si può parlare di nistagmo quando
quel movimento è costante e non se lo fa una volta soltanto (nel qual
caso trattasi dell'allineamento naturale dell'occhio che molti di noi
hanno) e questo è stato il secondo dubbio.
Mi ha comunque detto di seguire
la cura che, qualora trattasi effettivamente di sinusite etmoido sfenoidale, in una settimana dovrei risolvere.
Tornando all'otorino mi ha dato: Fidato intramuscolare per 7 giorni + bentelan intramuscolare
per 3 giorni, Torecan per 7 giorni ed omeoprazolo per un mese (con quel
macchinario ha anche visto il reflusso gastrico!).
Mi ha poi detto di fare una tac con mdc massiccio facciale in proiezione assiale e coronale per studio seni paranasali ed una rm con gadolidinio
encefalica per vedere se c'e' una vasculite (mi riferisco alla RM e non alla Tc). La neurologa mi ha detto che, qualora non dovessi trovare alcun beneficio da questa cura, di prendere il FLuxarten 5mg per 25 gg, sospendere per 5 gg e riprendere per altri 25 gg. ma spero di non dover prendere quel medicinale perchè significherebbe che non ha fatto effetto la prima cura. Neurologicamente ha comunque escluso qualsiasi patologia.
Un saluto.


Postato da: No medicina
Postato in data: 25 Novembre 2011 alle 12:35
Ciao,
ho letto il tuo messaggio.
Quello che penso è che sono disgustato dai medici. Dal settore medico italiano, in cui si guard solo al sintomo senza guardare alla situazione complessiva di quella persona per capire cos'è che funziona con fatica, dove sta la causa del problema. E' assurdo dire che "gli anticorpi della tiroide li ho fatti ed erano tutti a posto e che, comunque, qualora gli anticorpi fossero stati presenti, non ci sarebbe stato niente di preoccupante se gli ormoni erano nella norma (e  questa è stata la prima cosa)".
In pratica anche se il tuo sistema immunitario stesse attaccando la tiroide e distruggendola a poco a poco ogni medico italiano ti direbbe: non fa niente perchè ancora la tiroide riesce a produrre ormoni, quella quantità che per semplice convenzione i medici assumono sufficiente. Per poi dirti ritorna quando la tiroide è mese proprio malissimo, cioè quasi completamente distrutta perchè poi ti diamo l'ormone sintetico. Questo modo di gestire la malattia è assurdo!
Ecco alcuni pazienti che parlano dei trattamenti ricevuti da neurologi chiropratici (ce ne sono anche in Italia , ed uno importante a Losanna): http://www.youtube.com/watch?v=7lFuByA2iIw - http://www.youtube.com/watch?v=7lFuByA2iIw  ; http://www.youtube.com/watch?v=wtzxR16m0bQ - http://www.youtube.com/watch?v=wtzxR16m0bQ  ; http://www.youtube.com/watch?v=_jfNM00ws4k&feature=related - http://www.youtube.com/watch?v=_jfNM00ws4k  ; http://www.youtube.com/watch?v=kT-Ffhy99ZU - http://www.youtube.com/watch?v=kT-Ffhy99ZU  ; http://www.youtube.com/watch?v=rG4XOo4ip8A - http://www.youtube.com/watch?v=rG4XOo4ip8A  ; http://www.youtube.com/watch?v=uMGAtEmN9Rc - http://www.youtube.com/watch?v=uMGAtEmN9Rc  ; http://www.youtube.com/watch?v=SIFPZ0TDDlc - http://www.youtube.com/watch?v=SIFPZ0TDDlc  ; http://www.youtube.com/watch?v=7ZgUx9G0uEs&feature=related - http://www.youtube.com/watch?v=7ZgUx9G0uEs  ; http://www.youtube.com/watch?v=79WWs_VvJyo&feature=related - http://www.youtube.com/watch?v=79WWs_VvJyo  ; http://www.youtube.com/watch?v=KzooYFZVnjs - http://www.youtube.com/watch?v=KzooYFZVnjs  ; http://www.youtube.com/watch?v=gF_pXN9K9nQ - http://www.youtube.com/watch?v=gF_pXN9K9nQ ; http://www.youtube.com/watch?v=8K7-1Ev8Oos - http://www.youtube.com/watch?v=8K7-1Ev8Oos  ; http://www.youtube.com/watch?v=z04qcENdeS0 - http://www.youtube.com/watch?v=z04qcENdeS0  ;
Ciao.


Postato da: purbane
Postato in data: 25 Novembre 2011 alle 13:14
Forse è vero il tuo ragionamento e la neurologa ha sbagliato a dirmi che se gli ormoni stavano bene non c'era da preoccuparsi.
Mi ha comunque ribadito due cose: 1) tanto gli anticorpi della tiroide quanto gli ormoni erano normali, quindi non c'era alcuna situazione alterata. 2) Gli anticorpi che ho io riguardano solamente un discorso neurologico periferico e non hanno niente a che vedere con la tiroide quindi a livello tiroideo sono a posto. L'unico valore fuori norma riscontrato a giugno erano i paratormoni che però, al controllo successivo, erano rientrati nel range della normalità. Di sicuro la mia patologia non è stata scatenata dalla tiroide.


Postato da: paolomainardi
Postato in data: 25 Novembre 2011 alle 14:06
l'omeoprazolo l'ha prescritto per prevenire gli effetti collaterali del bentelan, glielo sconsiglio preferendo il malox.
Anche la sinusite può essere di origine autoimmune e rispondendo anche a no medicina, noi tutti produciamo auto-anticorpi, ma in maniera limitata.
LA produzione di autoanticorpi è favorita da un intestino troppo permeabile.


-------------
dott.Paolo Mainardi

Neurochimico

Centro Epilessia Università di Genova

Consulente
Centro di Nutraceutica Applicata
Laboratorio Albaro
Via P. Boselli 30 canc Genova
0103621769


Postato da: purbane
Postato in data: 15 Dicembre 2011 alle 13:32
Dopo un pò eccomi quì di nuovo, sono quì ad informare degli sviluppi della situazione.
Dall'ultimo messaggio ho fatto Tac massiccio facciale, Tac al cervello, risonanza magnetica al cervello e rx alla cervicale.
Andiamo con ordine. Le due tac non hanno evidenziato nulla se non nella massiccio facciale dove viene evidenziata una minuscola pseudocisti mucosa a carico della parete laterale del seno mascellare dx di nessun significato patologico, modesta deviazione sinistro convessa del setto nasale e modesta ipertrofia dei turbinati nasali a sinistra con punto di contatto con il setto nasale.
Ancor meno è emerso dalla risonanza magnetica, effettuata anche con tagli specifici nell'area della regione ponto cerebellare, insomma tutto nei limiti della norma.
La radiografia ha evidenziato, nelle proiezioni oblique ed in corrispondenza dei forami c5-c6, piccoli becchi osteofitosicici, maggiormente evidenti da destra, con protrusione nei relativi forami di congiunzione.
Ora è in programma una visita oculistica per verificare se questo disturbo potesse dipendere dalla vista, cosa di cui dubito molto.
La neurologa ha riscontrato, dalle ultime analisi del sangue, un valore ai minimi della norma di acido folico e vitamina b12 che, a suo dire, possono provocare tali disturbi e mi ha prescritto il lederfolin 7,5 mg per 15 gg una compressa al giorno.
Nulla di tutto questo tuttavia sta facendo effetto perchè il disturbo continua a persistere.
In questi giorni, convivendo con il disturbo, ho notato alcune cose come:
se tengo un peso consistente (mia nipote in braccio o le buste della spesa) il disturbo si riduce, forse varrà il detto "peso schiaccia peso";
La mattina, al 90%, quando mi alzo, il disturbo non c'e' ma si presenta nell'arco della giornata qualora svolgessi la vita normale mentre in ufficio, dove trascorro la maggior parte del tempo seduto, il disturbo non si presenta.
Praticamente questo senso di schiacciamento e di ondeggiamento si verifica solo ed esclusivamente nella posizione eretta.
Sinceramente non so più dove andare a parare, ho fatto praticamente di tutto, per questo spero in qualche illuminazione che mi possa indirizzare verso la scoperta della causa di questo fastidiosissimo sintomo.
Oltre al lederfolin sto assumendo torecan (una compressa al giorno) e vertiserc 24 mg (due compresse al giorno) senza ovviamente alcun effetto.



Stampa la pagina | Close Window

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.04 - http://www.webwizforums.com
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide - http://www.webwizguide.info