PARKINSON Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Parkinson

Sintomi

Diagnosi

Terapia

 
Chiedi al medico!

È una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale. La degenerazione, è intesa come perdita lenta ma progressiva di neuroni, avviene in varie parti del cervello, ma in modo particolare a livello della sostanza nera, i cui neuroni producono un neurotrasmettitore, la dopamina, che regola il funzionamento dei movimenti involontari attraverso l’attività dei nuclei della base. Insorge abitualmente tra i 50 e i 60 anni e ha andamento progressivo con durata che può superare i 20 anni. Esistono forme più giovanili che insorgono anche ai 40 anni e forme senili presenti in età molto avanzata. A tutt'oggi l'eziologia del morbo di P. è sconosciuta, mentre la patogenesi è stata ampiamente identificata nella drastica diminuzione a livello di alcune strutture del sistema extrapiramidale (sostanza nera, striato) della dopamina, uno dei principali neurotrasmettitori del sistema extrapiramidale. Tale carenza è responsabile di un'alterazione fondamentale dell'equilibrio con altri neurotrasmettitori attivi in queste strutture anatomiche, soprattutto con l'acetilcolina, la cui attività, non più bilanciata dalla dopamina, diventa prevalente. Sembra inoltre certo che anche altri neurotrasmettitori quali, p. es., l'acido gamma-amminobutirrico, l'acido glutammico e la serotonina, svolgano un ruolo non trascurabile, anche se non ancora sondato con precisione.

Sintomi

La malattia inizia in modo lento e subdolo con lieve tremore al capo o alle mani oppure a un emilato, il tremore è detto “a riposo” e in particolare quello delle mani si definisce “a contar monete”; la scrittura diviene tremula e con caratteri minuscoli (micrografia); il tremore dagli arti superiori si propaga a quelli inferiori e quando è molto accentuato può generalizzarsi o colpire un solo lato del corpo; la rigidità muscolare provoca di solito un atteggiamento in flessione e una particolare immobilità statuaria del viso (facies parkinsoniana); l'andatura è a piccoli passi e a gambe lievemente piegate; la parola è scandita, esitante all'inizio ed esplosiva in seguito; fra le alterazioni secretorie sono importanti la scialorrea, l'aumento della secrezione sudorale e sebacea, la poliuria; il carattere spesso peggiora e subentra una facile irritabilità.

Diagnosi

La diagnosi del morbo di P. si basa sui caratteristici segni clinici di rigidità, tremore e bradicinesia (lentezza nei movimenti). Caratteristica è anche l'andatura che si può osservare facendo camminare la persona per un breve tratto.

Terapia

La terapia del morbo di P. prevede l'uso di farmaci combinati variamente fra loro in diversi schemi terapeutici. Il principale è costituito dalla L-DOPA, precursore della dopamina, che è trasformato in dopamina da una carbossilasi presente sia nel cervello sia nel fegato e da farmaci anticolinergici, utili per smorzare l'aumento di attività dell'acetilcolina. A questi si sono progressivamente aggiunti negli ultimi anni l'amantadina, farmaco antivirale capace di stimolare la sintesi e il rilascio di dopamina, la bromocriptina, avente azione dopamino-agonista, e gli inibitori delle monoamminossidasi, che riducono il catabolismo della dopamina, prolungandone quindi l'effetto. Tutti questi farmaci sono spesso usati in maniera alternata per ridurre gli effetti collaterali che in una terapia così prolungata inevitabilmente tendono a manifestarsi. L'intervento chirurgico, che consiste nella lesione delle strutture extrapiramidali responsabili, è riservato ai casi con tremore grave o associato a ipertonia emilaterale e resistente alla terapia medica. Nel 1994 è stata sperimentata la prima terapia genica contro il morbo di P. su animali da laboratorio. La ricerca ha avuto come obiettivo l'induzione, con un trapianto di geni, della produzione di un enzima che a sua volta stimolasse la produzione di dopomina. Nel 1996, ricercatori italiani e statunitensi hanno identificato nel braccio lungo del cromosoma 4 una zona dove, con molta probabilità, si trova uno o più geni coinvolti nel morbo di P. I ricercatori hanno studiato un gruppo familiare individuando la regione cromosomica attraverso l'analisi di numerosi indicatori molecolari. Da qualche tempo è noto che circa il 15% dei malati ha parenti affetti dalla stessa malattia, fenomeno che fa sospettare una possibile base genetica del morbo. Da questa ricerca si spera ora di individuare il gene o i geni associati alla malattia, sulla base della quale realizzare, inizialmente, un test predittivo.

Scoperta la causa del Parkinson giovanile

È un meccanismo molecolare che media la morte neuronale.

È una mutazione specifica a causare il Parkinson in età giovanile e un team di ricercatori italiani ne ha scoperto la natura.
Tremori, rigidità muscolare e difficoltà a controllare il proprio corpo sono alcuni dei sintomi del Parkinson, che ha un’età media di esordio intorno ai 60 [...]

Diagnosi portatile per il Parkinson

Diagnosi portatile per il ParkinsonIl punto del prof. Aldo Quattrone

Il Parkinson si combatte meglio se si riesce a individuarlo precocemente. Il prof. Aldo Quattrone, presidente della SIN (Società Italiana di Neurologia), Direttore della Clinica Neurologica dell’Università di Catanzaro e della [...]

Parkinson, speranze dal trapianto di neuroni

Sperimentazione clinica su pazienti affetti dalla malattia

Siamo ormai a un passo dalla soluzione dell'enigma? Secondo il neurologo svedese Olle Lindvall parrebbe proprio di sì. Lo scienziato dell'Università di Lund sta effettuando una sperimentazione clinica su pazienti affetti da Parkinson basata non sull'utilizzo di qualche nuova molecola, [...]

Come si diffonde il Parkinson

Ricercatori austriaci ne evidenziano i meccanismi

I processi che sottendono alla diffusione del morbo di Parkinson non hanno più segreti. A rivelarli è una nuova ricerca condotta da scienziati dell'Università di Vienna guidati da Gabor Kovacs, che hanno pubblicato sulla rivista Neurobiology of Disease gli esiti della loro analisi.
Finora questi [...]

Chi soffre di emicrania rischia il Parkinson

Nesso fra il mal di testa e la malattia neurodegenerativa

Le persone che soffrono di ricorrenti mal di testa hanno più probabilità di sviluppare il morbo di Parkinson o altri disturbi del movimento rispetto alla media. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Neurology da un team della Uniformed Services University di Bethesda, negli [...]

I fattori genetici nel Parkinson

Scoperti altri 6 non segnalati prima

Era noto che il Dna contribuisse all'insorgenza del morbo di Parkinson. Ora una nuova ricerca evidenzia la presenza di altri fattori di rischio genetici fra cui 6 non segnalati in precedenza.
Il dott. Andrew Singleton del NIH National Institute on Aging, primo autore dello studio, commenta: [...]

La cannella come cura alternativa per il Parkinson

La cannella come cura alternativa per il Parkinson

La spezia agisce invertendo i processi degenerativi della malattia

La natura ci offre una nuova opzione terapeutica per una malattia grave come il Parkinson. Si tratta della cannella che, secondo uno [...]

La levodopa è la migliore opzione per la cura del Parkinson

La levodopa è la migliore opzione per la cura del Parkinson

Effetti migliori sul lungo periodo per la mobilità e la qualità di vita

La levodopa assicura risultati migliori sul lungo periodo nel trattamento del Parkinson, con riferimento sia alla mobilità [...]

La proteina Mhc-I attiva la morte neuronale nel Parkinson

Scoperto nuovo meccanismo di morte neuronale

Un nuovo meccanismo di morte neuronale tipico della malattia di Parkinson, che può diventare un bersaglio terapeutico specifico per questa malattia, è stato identificato da uno studio condotto da ricercatori dell’Istituto di tecnologie biomediche del Consiglio nazionale delle ricerche [...]

Un cerotto per il Parkinson

Un cerotto per il Parkinson

Il dispositivo segue passo passo l'andamento della malattia

Un team di ricercatori coreani in collaborazione con i colleghi del Massachusetts Institute of Technology ha messo a punto un nuovo dispositivo per il [...]

Demenza associata a Parkinson, come scoprirla

I biomarker legati alla materia grigia

Alcuni soggetti malati di Parkinson sono destinati a sviluppare una forma di demenza. Per identificarli in anticipo uno studio pubblicato su Brain suggerisce l'utilizzo di alcuni biomarcatori cerebrali come il decadimento della materia grigia corticale e la riduzione delle strutture limbiche [...]

Vitamina D utile in caso di Parkinson

Vitamina D utile in caso di Parkinson

Sintomi meno severi con livelli più alti della sostanza

Alle ben note conseguenze positive associate ad alti livelli di vitamina D nel sangue va aggiunto l'effetto benefico connesso con il morbo di [...]

Terapia genica per il Parkinson

Terapia genica per il Parkinson

Risultati promettenti da un nuovo trattamento

Un team anglo-francese ha posto le basi per una nuova terapia genica atta a trattare il morbo di Parkinson. Lo annuncia la rivista Lancet, che ha [...]

Un farmaco per la psicosi da Parkinson

Un farmaco per la psicosi da Parkinson

La pimavanserina sembra efficace sul disturbo legato al Parkinson

Spesso i pazienti affetti da morbo di Parkinson soffrono anche di psicosi, in particolare allucinazioni e delirio. Per contrastare questo effetto [...]

Alzheimer e Parkinson, deficit di zinco fra gli imputati

La carenza del minerale rappresenta un fattore di rischio

Un deficit di zinco potrebbe favorire l'insorgenza di malattie gravi come il Parkinson e l'Alzheimer. A dirlo è una ricerca condotta dall'Università del Wisconsin e pubblicata sul Journal of Biological Chemistry.
La carenza di zinco influirebbe sulla forma e sulla stabilità proteica, [...]

Dalla scrittura i segni del Parkinson

Dalla scrittura i segni del Parkinson

Possibile strumento di diagnosi per la malattia neurologica

Riempire di parole un foglio di carta. Potrebbe essere questo il nuovo strumento per capire in anticipo se vi sono segni di Parkinson in una [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Prevenzione della malattia di Parkinson

Le statine potrebbero svolgere un ruolo protettivo

Un calo di testosterone causa il Parkinson

Associazione fra il deficit ormonale e l'insorgenza della malattia

L'opzione chirurgica per il Parkinson avanzato

Le caratteristiche della stimolazione cerebrale profonda

Più ferro nel sangue allontana il Parkinson

Concentrazioni maggiori associate a un rischio minore

Parkinson più probabile a causa dei pesticidi

Anche i traumi cranici predispongono alla malattia

Per il Parkinson utile la nicotina

L'assunzione di cibi contenenti nicotina riduce il rischio della malattia

Il ruolo dell'alfa-sinucleina nel Parkinson

Azione simile a quella di un virus

Staminali per curare la forma più grave di Parkinson

Al via studio sul trattamento della paralisi sopranucleare progressiva (psp)

Il gioco d'azzardo nei malati di Parkinson

Curioso effetto collaterale della terapia in alcuni pazienti

La stimolazione cerebrale profonda nel Parkinson

Migliora la qualità di vita dei soggetti trattati

Dalla bocca un test per il Parkinson

Analisi della ghiandola salivare come possibile strumento di diagnosi

Parkinson, prove di terapia genica

Trattamento sperimentale su 15 pazienti mostra risultati positivi

Alla ricerca di bersagli per il Parkinson

Parte una ricerca con un approccio innovativo

Dalla spremitura delle olive un prodotto per il Parkinson

In Andalusia si sta sintetizzando un antiossidante

Una nuova frontiera per le cellule staminali e i neuroni

La pelle e il cordone ombelicale le fonti da cui attingere

Protetti dal Parkinson con i flavonoidi

Tè, mele e vino rosso potrebbero tenere lontano questa malattia

Un nuovo Parkinson dovuto ad una mutazione genetica

Scoperto alla base della malattia un eccesso di manganese

La “parkina” mutata alla base di un tipo di Parkinson

Una forma genetica della malattia

La RGS4 una proteina coinvolta nel Parkinson

La sua iperattività sarebbe responsabile dei problemi motori

Un approccio olistico per il Parkinson

Esercizi mentali e fisici per rendere più abili i pazienti

Un “trucco” copiato dai virus per il Parkinson

Se i mitocondri sopravvivono, le cellule non muoiono

Una proteina aiuta a valutare le malattie neurodegenerative

Si potranno definire meglio nuovi approcci terapeutici

Il Pacemaker intelligente per il Parkinson

Una stimolazione cerebrale adeguata al bisogno individuale

Un test per misurare la Dopamina

Malati di Parkinson e non solo valutati prima e meglio.

Sport e Parkinson

Una regolare attività fisica migliora la qualità di vita dei malati

I solventi chimici che favoriscono il Parkinson

Alcune sostanze aumentano il rischio di insorgenza della patologia

Curare la malattia di Parkinson con le staminali

È possibile da cellule embrionali produrre neuroni che sintetizzano dopamina

Gli ultrasuoni per i disturbi neurologici cronici

ExAblate Neuro sperimentato su 30 pazienti

Safinamide nella fase avanzata del Morbo di Parkinson

Parte lo studio per valutarne l'efficacia in associazione a levodopa

Sostituire i neuroni persi per il Parkinson

Studio italiano genera neuroni dopaminergici

Terapia genica per il Parkinson

Nuovo trattamento stimola il ripristino dell'equilibrio neurochimico

Novità sul Parkinsonismo grave

Identificato difetto genetico alla base della paralisi sopranucleare progressiva

Helicobacter pilori e Parkinson, un nesso

Il batterio associato alla malattia neurodegenerativa

Terapia genetica per il Parkinson

Sintomi ridotti con l'innesto di nuovi geni

L'ibuprofene allontana il Parkinson

L'antinfiammatorio ridurrebbe le probabilità di insorgenza della malattia

Il ruolo dei geni nell'evoluzione del Parkinson

Più decisiva del previsto la genetica nello sviluppo della patologia

Parkinson, basterà un prelievo per scoprirlo

Individuati per la prima volta i marcatori che ne consentono la diagnosi

Apprendimento abituale regolato da due circuiti cerebrali

Team americano individua i meccanismi alla base delle conoscenze di routine

Carenza di vitamina B6, rischio di Parkinson

Studio asiatico evidenzia un aumento rilevante del rischio

Una corsa per salvare il cervello

L'esercizio fisico per difendersi dai danni del Parkinson

Come scoprire farmaci efficaci per il Parkinson

Nuovo metodo di drug discovery

Nel cervelletto un aiuto per la terapia del Parkinson

Stimolazioni magnetiche contro i movimenti involontari

Dente-protesi rilascia farmaci anti-Parkinson

Novità terapeutica per il Parkinson

Dispenser ricorda-pillole per i malati di Parkinson

Per il Parkinson pace-maker cerebrale autoricaricabile

Parkinson: cantare camminando aiuta

Nuove scoperte sulla Rasagilina

Una nuova speranza per il Morbo di Parkinson

Col colesterolo alto si rischia il Parkinson

Nuovo farmaco per gestire meglio il Parkinson

Nuovo farmaco migliora i sintomi del Parkinson

Staminali uterine frenano il Parkinson

Il Parkinson curato nei topi

Inquinanti causa del Parkinson

Morbo di Parkinson e triptofano

Buoni risultati da un nuovo farmaco per il Parkinson

Duodopa e Parkinson

Depressione e Parkinson

L'unico piccolo vantaggio del fumo

La Banca dei tessuti Nervosi

Il Parkinson colpisce sempre più i giovani

Sintomi depressivi nella malattia di Parkinson

Parkinson, effetti collaterali dei dopamino agonisti

La tecnologia aiuta la diagnosi del Parkinson

Parkinson, accendiamo la luce

Nuovo farmaco senza i picchi della levodopa

Dalla caffeina un nuovo medicinale contro il Parkinson

Cos’ è la malattia di Parkinson?

Un medicinale rivoluziona la cura del Parkinson

Il metodo di trattamento della voce LSVT®

Dalle staminali delle scimmie speranze per il Parkinson

Il ruolo degli ormoni nel collegamento cervello-muscoli

Parkinson: la neurochirurgia funzionale aiuta a muoversi

Approvato in Usa nuovo farmaco per il morbo di Parkinson

Scoperto un nuovo gene per il Morbo di Parkinson

Trauma cranico accresce il rischio Parkinson

Cannabis utile per Parkinson e Alzheimer

Iniezioni nel cervello migliorano il Parkinson

Caffè ostacola ormoni nel proteggere le donne da Parkinson

Problemi motori del Parkinson legati anche alla memoria

Migliorare i sintomi del Parkinson con un gel

L'integratore coenzima Q10 rallenta il Parkinson

Parkinson: terapie ed effetti collaterali

A rischio Parkinson chi soffre di depressione

Sigarette e tè ridurrebbero il rischio di Parkinson.

Parkinson: cura ai primi stadi lo ritarda di 30 anni

Parkinson: staminali eliminano tremore

Parkinson, antibiotico contro degenerazione neuroni

Parkinson, no al mix di farmaci e prodotti alternativi

Un rimedio per la demenza in caso di Parkinson