EPILESSIA Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Epilessia

Sintomi

Diagnosi

Terapia

 
Chiedi al medico!

Gruppo di sindromi caratterizzate da un'alterazione dell'attività bioelettrica cerebrale, consistente in turbe parossistiche che tendono a ripetersi episodicamente, accompagnate da diversi fenomeni motori, sensoriali, vegetativi e a carico dei processi mentali. Presenta una sintomatologia diversa in base alla sua classificazione. Si distinguono un'e. idiopatica da una sintomatica (o, con più moderna classificazione, una e. essenziale o primaria e una e. a focolaio, che presenta cioè un focus d'irritazione corticale). Nella prima la predisposizione alla crisi è presumibilmente costituzionale, nella seconda si collega a lesioni di varia origine (traumi cranici, encefaliti pregresse, tumori) dell'encefalo. Clinicamente si distinguono un'e. generalizzata, in cui la sofferenza interessa tutte le zone corticali, da una parziale, in cui la sofferenza è localizzata in un numero ristretto di aree. Tra le e. parziali merita un posto a parte l'e. psicomotrice, legata a una sofferenza del lobo temporale. L'e. generalizzata si distingue in grande male e piccolo male.

Sintomi

Inizia con una fase tonica, in cui si hanno arresto del respiro, perdita di coscienza e caduta a terra. Dopo circa trenta secondi segue la fase clonica, caratterizzata da scosse cloniche dei muscoli del volto e degli arti. Dopo qualche minuto il paziente entra in stato comatoso, da cui riemerge in qualche decina di minuti. La crisi di grande male può essere preceduta da uno stato particolare, detto aura, in cui possono essere presenti, variamente associati, fenomeni motori (p. es., scosse cloniche), allucinazioni, ecc. Nel piccolo male si ha una grande varietà di sintomi: il più tipico è l'assenza, breve perdita di coscienza della durata di pochi secondi, di cui il paziente non conserva alcun ricordo, non seguita da caduta a terra, spesso difficilmente avvertibile anche all'osservatore esterno per la sua estrema transitorietà. Si possono avere anche il piccolo male mioclonico, con brevi scosse muscolari, le crisi acinetiche, con improvvisa perdita del tono muscolare e conseguente caduta a terra, la narcolessia parossistica, con improvvisa caduta nel sonno, ecc. La sintomatologia più tipica delle e. parziali è data dalle crisi jacksoniane. Si hanno crisi jacksoniane motorie, con lesioni nella circonvoluzione frontale prerolandica, costituite da scosse cloniche in gruppi muscolari limitati controlaterali; e crisi jacksoniane sensoriali, con lesione nella circonvoluzione parietale postrolandica e alterazioni della sensibilità (anestesie e parestesie) in regioni corporee controlaterali. Come sintomi di e. parziale possono anche aversi allucinazioni, crisi vegetative, ecc. Abitualmente il paziente conserva una perfetta coscienza. Nell'e. psicomotoria, infine, si ha la presenza di automatismi motori, più o meno complessi, e un notevole abbassamento del livello di coscienza, con presenza frequente di stato confusionale. Nella diagnosi di e. è estremamente prezioso l'uso dell'elettroencefalogramma, che rivela specificamente le alterazioni dei bioritmi cerebrali.

Diagnosi

Nel formulare la diagnosi il medico cerca di ottenere il maggior numero possibile di informazioni sugli attacchi. Spesso, i pazienti non ne hanno alcun ricordo e quindi queste informazioni possono essere ottenute da testimoni. Di solito, dopo aver eseguito un esame neurologico completo, il medico prescriver un EEG per facilitare la diagnosi. E' importante saper che l'EEG non sempre può confermare o escludere con certezza una diagnosi di convulsioni e che i risultati relativi vanno considerati alla luce di altri reperti clinici.

Terapia

Tra i farmaci impiegati nella terapia sintomatica delle varie forme di e.: i derivati della serie dei barbiturici, degli ossazolidinici, dell'acetilurea e le succinimmidi. Tuttavia, il trattamento dell'e. costituisce ancora oggi un serio problema medico dato che nessuno dei farmaci noti dispone interamente degli ottimali requisiti di efficacia e di innocuità. Ciò giustifica anche il corrente criterio di associare due o più farmaci riducendo proporzionalmente il dosaggio di ciascuno di essi. Il raggiungimento della terapia ottimale, oggi anche con l'impiego delle più maneggevoli e meno pericolose benzodiazepine, è più facilmente ottenibile con il monitoraggio dei farmaci, cioè con il dosaggio dei loro metaboliti nel sangue al fine di attenersi al minimo delle dosi efficaci, evitando così il più possibile le conseguenze di un uso che è obbligatoriamente prolungato. Nuove sostanze sono entrate nella terapia delle epilessie. Una di esse, il felbamato, è rivolta soprattutto alla cura delle forme più severe di epilessia infantile, la cosiddetta sindrome di Lennox-Gastaut, che può provocare fino a 200 crisi in un'ora. La sostanza sembra in grado di bloccare un'anomala eccitazione dei neurotrasmettitori cerebrali che provoca le crisi epilettiche. Altre nuove sostanze sono la lamotrigina e la gabapentina, indicate nelle forme meno gravi, e dotate di effetti calmanti sulle cellule cerebrali che in presenza della crisi reagirebbero con una sovraeccitazione. È stato infine sperimentato in Svezia un apparecchio simile a un pacemaker cardiaco, in grado di dimezzare la frequenza delle crisi epilettiche nei pazienti che non rispondono ad altre terapie. Si tratta di uno stimolatore del nervo vago, impiantato con un intervento chirurgico all'altezza del collo. Il filo elettrico, avvolto sul nervo, viene poi collegato con un congegno elettronico grosso quanto un orologio, programmato per fornire impulsi per 30 secondi ogni 5 minuti, 24 ore su 24. Nel soccorso d'urgenza a un soggetto colto da crisi convulsiva, bisogna solo allontanare eventuali ostacoli contro cui egli possa urtare per evitare contusioni; inoltre dato che la contrattura è massiva e involontaria, non va in nessun modo trattenuto perché si possono produrre fratture; lo stato crepuscolare di sonno profondo non va turbato perché coincide con un suo recupero cerebrale dall'anossia subita, da cui si riprenderà, dopo un po' di tempo con piena lucidità di coscienza anche se non ricorderà l'accaduto (eclissi cerebrale).

Rischio di epilessia per chi soffre di Alzheimer

Rischio di epilessia per chi soffre di AlzheimerI malati manifestano un'iperattività cerebrale

Essere malati di Alzheimer espone a un rischio decisamente più elevato della media di subire crisi epilettiche. A dirlo è uno studio dell'Università di Tel Aviv pubblicato su Cell Reports.
Il rischio più alto [...]

Epilessia, le donne incinte possono assumere levetiracetam

Epilessia, le donne incinte possono assumere levetiracetamNon compromesse le capacità cognitive e motorie dei bambini

Le donne che soffrono di epilessia si trovano in seria difficoltà quando affrontano una gravidanza, combattute fra il desiderio di non nuocere alla salute del bimbo che portano in grembo e la necessità di [...]

L'epilessia si previene con Mozart

L'epilessia si previene con MozartL'ascolto di un concerto specifico sembra diminuire gli attacchi

La musica classica può aiutare in caso di epilessia. In particolare, sembra che un concerto specifico di Mozart – il numero 23 – K488 – sia associato alla riduzione del rischio di recidiva dopo una prima crisi epilettica non [...]

Un bisturi invisibile contro l’epilessia

Innovativo trattamento non invasivo per “tagliare” il cortocircuito elettrico

Un fascio di radiazioni spesse poco più di mezzo millimetro per tagliare le fibre nervose che all’interno del cervello trasmettono le scariche elettriche causa degli attacchi epilettici e bloccare così il propagarsi della crisi.
Si tratta di un’innovativa terapia non invasiva basata [...]

Epilessia mioclonica, individuato il gene responsabile

Studio italiano svela l'origine genetica della patologia

È stato individuato il gene responsabile dell'epilessia mioclonica corticale. Il risultato è opera di un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, in collaborazione con il Gaslini di Genova, il Meyer di Firenze e l’Università La Sapienza di Roma.
La ricerca, [...]

Epilessia, zonegran valido anche per bambini e anziani

Terapia tollerata da entrambe le fasce d'età

Il farmaco Zonegran, utilizzato per il trattamento dell'epilessia negli adulti, è somministrabile anche a bambini e anziani. La commissione europea, infatti, ha approvato l'aggiornamento pediatrico della licenza di Zonegran (zonisamide).
Zonisamide è ora indicato come [...]

Un trapianto di cellule per l'epilessia

Un trapianto di cellule per l'epilessia

Funziona su modello murino la sostituzione delle cellule cerebrali

Un team dell'Università della California di San Francisco sta sperimentando un nuovo possibile approccio alla cura dell'epilessia, secondo quanto [...]

Epilessia, una giornata per fermarla

Epilessia, una giornata per fermarla

Cosa fare e non fare se si assiste a un attacco

Assistere a una crisi epilettica può creare disagio e imbarazzo. Per questo, gli esperti della Lice (Lega italiana contro l'epilessia), in occasione [...]

Nuovo farmaco per ridurre gli effetti dell'epilessia

Nuovo farmaco per ridurre gli effetti dell'epilessia

Trattamento preventivo contro i danni cerebrali indotti dalle crisi

Un gruppo di ricercatori americani ha messo a punto un nuovo composto per la riduzione dei danni cerebrali provocati da crisi [...]

Epilessia, poca conoscenza e molti pregiudizi

L'epilessia si combatte anche a scuola

Nel nostro Paese, l'epilessia conta oltre 500.000 malati, circa 30.000 casi nuovi all'anno e un'incidenza particolarmente elevata nei bambini. Tra i più piccoli, la fascia d'età più a rischio è quella sotto il primo anno di vita.
Nonostante la quasi totalità degli insegnanti conosca a grandi linee [...]

Correlazioni fra epilessia ed emicrania

Ricerca sottolinea l'esistenza di un nesso genetico

Epilessia ed emicrania condividerebbero un preciso legame genetico. A dirlo è una ricerca pubblicata sulla rivista specializzata Epilepsia da un team del Columbia University Medical Center di New York.
Lo studio, firmato dalla dott.ssa Melodie Winawer, ha preso in esame 500 famiglie, mostrando come la [...]

Scoperto difetto alla base di una grave forma di epilessia

Ricerca italiana fa luce su alcuni meccanismi molecolari

Una ricerca italiana ha scoperto il difetto epigenetico alla base di una grave forma di epilessia associata a deficit di apprendimento. La scoperta è frutto del lavoro di un team dell'Istituto di genetica e biofisica Adriano Buzzati Traverso presso il Consiglio nazionale delle ricerche [...]

Allo studio nuove cure per l'epilessia

Le speranze dei ricercatori si affidano ad Epixchange

L'epilessia potrà essere affrontata con nuovi metodi di cura. Lo promette uno studio, denominano Epixchange, che vede la collaborazione di ricercatori di diversi centri europei coordinati dall'Università di Lund, in Svezia.
Il progetto esplorerà lo sviluppo di linee di cellule umane incapsulate che [...]

Causa genetica per una forma di epilessia infantile

Causa genetica per una forma di epilessia infantile

Scoperta di un gruppo di ricercatori italiani

Una rara forma di epilessia infantile definita “a tempo” ha trovato ora la sua ragione scatenante. Un gruppo di ricercatori [...]

Alfa-lattoalbumina nell’epilessia, gli studi continuano

Alfa-lattoalbumina nell’epilessia, gli studi continuano

Conferme dell'azione anticonvulsiva dell'ALAC

Grande entusiasmo del gruppo di ricerca del prof. De Sarro dell'Università di Catanzaro per gli ulteriori risultati ottenuti [...]

Nuovo farmaco per l'epilessia

Nuovo farmaco per l'epilessia

In commercio anche in Europa il farmaco perampanel

Sta per essere lanciato sul mercato europeo perampanel, indicato come trattamento aggiuntivo delle crisi parziali, con o senza generalizzazione secondaria, [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Quando si tratta di una vera crisi epilettica?

Alcuni sintomi somigliano a una crisi convulsiva ma l’origine non è epilettica

Epilessia temporale e invecchiamento cerebrale

Un esordio precoce potrebbe correlare con un più marcato deterioramento

Il fenomeno epilettico non è una malattia

Una crisi comiziale può insorgere in soggetti con predisposizione per più cause

Nuove prospettive per la farmacoresistenza nell'epilessia

Possibili strategie vincenti per combatterla

Una mutazione del canale "pacemaker" nel cervello

Questa la causa di una forma di epilessia

L’Isovalina, una futura molecola per l’epilessia

Una fonte per sintetizzare nuovi farmaci antiepilettici

Approvato Buccolam per le crisi convulsive

Midazolam, soluzione transmucosale per la mucosa orale

La sindrome di Dravet

Cause, sintomi e cure possibili

Farmaci antiepilettici di “terza generazione”

Focus sulla Lacosamide

Morire all'improvviso di epilessia

La causa principale è la SUDEP, condizione spesso sottovalutata

Stimolazione vagale per l'epilessia farmacoresistente

Aumenta il ricorso alla neurostimolazione per ridurre gli effetti della malattia

Epilessia, elettrodi impiantati in profondità salvano bimba

Nuove scoperte fanno luce sul meccanismo delle crisi

Epilessia, occhio agli astrociti

Studio finanziato da Telethon dimostra come in questa malattia neurologica

Scoperta una molecola che fa insorgere le crisi epilettiche

Ricercatori italiani svelano il ruolo della proteina HMGB1

Nuove speranze per curare l'epilessia

Scoperta su un gene difettoso

Operato a Roma bimbo epilettico resistente ai farmaci

Pezzo di Dna mancante collegato all'epilessia idiopatica

Come prevenire l'epilessia fotosensibile

Il ruolo dei globuli bianchi nell'epilessia

Dall'Italia una terapia genica contro l'epilessia

Trattamento delle epilessie focali farmacoresistenti

Rischio epilessia col telefonino

Epilessia, no all'alcol, sì ai grassi

Idee nuove per risolvere l’epilessia

Nuove ipotesi sui meccanismi della dieta chetogena

Il ruolo della serotonina nelle epilessie farmcoresistenti

Il cellulare eccita la corteccia cerebrale

Le terapie possibili per la sclerosi tuberosa

L'epilessia è troppo spesso sinonimo d'esclusione

Si sperimenta la terapia genica contro l'epilessia

3 metri dalla tv per evitare l'epilessia da videogioco

L'epilessia è causata dalla mutazione di un gene

Una dieta grassa aiuta i bimbi epilettici

Epilessia e crisi della memoria

Epilessia: ipotesi genetica

Melatonina in aiuto degli epilettici