ASMA

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Asma

Sintomi Diagnosi Terapia

Un farmaco naturale per i capelli

Asma bronchiale Malattia caratterizzata da un aumento dell'irritabilità dei bronchi a vari stimoli, che predispone a crisi parossistiche di restringimento delle vie respiratorie (broncospasmo). Le crisi si possono risolvere spontaneamente o dopo adeguata terapia. La crisi asmatica si presenta con insorgenza improvvisa di dispnea, soprattutto espiratoria, tosse e sibili, che possono durare da alcuni minuti a ore. L'espettorazione di abbondante secreto mucoso denso nelle fasi terminali dell'attacco conferisce al paziente un sensibile sollievo respiratorio. Il broncospasmo, l'edema e l'ipersecrezione di muco denso della parete bronchiale provocano una resistenza al passaggio dell'aria nelle fasi di espirazione, con iperdistensione polmonare e toracica, a rischio di insufficienza respiratoria acuta, detta di tipo ostruttivo. L'asma bronchiale è generalmente distinta in asma bronchiale allergica (o atopica o estrinseca) e asma bronchiale idiosincrasica (o intrinseca). L'asma bronchiale allergica si manifesta in genere già nell'infanzia, si associa spesso ad altre malattie allergiche (rinite, eczema, orticaria), è correlata con la positività dei test allergologici. L'asma bronchiale allergica ha un andamento tipicamente stagionale nel caso di allergeni legati alla fioritura (pollini); nel caso di allergeni quali polvere di casa (acari), peli o piume di animali, l'insorgere delle crisi è dovuto al contatto con gli agenti sensibilizzanti e può avere carattere perenne. Importante è la prevenzione che si può ottenere innanzi tutto con l'allontanamento del fattore di rischio (bonifica ambientale anti-polvere, con rimozione di moquette e con la scelta di materiale lettereccio che non permetta la proliferazione degli acari; allontanamento di gatti, cani, criceti e altri animali responsabili di allergie), con assunzione di farmaci a scopo preventivo come il disodio cromoglicato, o con procedure di desensibilizzazione all'allergene specifico, da attuarsi presso centri specialistici. L'asma bronchiale idiosincrasica è tipica dell'età adulta; esiste una predisposizione individuale di base, ma le infezioni respiratorie e l'inquinamento ambientale giocano il maggior ruolo causale. Altri tipi di reazione asmatica sono dovuti a cause professionali, all'assunzione di farmaci (acido acetilsalicilico) o allo sforzo fisico.

Sintomi

I principali sintomi sono: affanno, sibili, tosse secca e senso di costrizione al torace. In tutti gli asmatici, e dunque anche in questi casi, la malattia è sostenuta da infiammazione cronica delle vie respiratorie, associata a una maggiore sensibilità a stimoli esterni di solito innocui e all'ostruzione variabile (broncospasmo) delle vie aeree, che rende difficile l'ingresso d'aria. E così, anche la notte, ecco giungere difficoltà respiratorie, affanno, respiro sibilante e tosse persistente. Durante le infezioni respiratorie da raffreddamento, le crisi asmatiche compaiono 2 o 3 giorni dopo l'esordio (scolo nasale, cefalee, starnuti); perciò oltre ai sintomatici è bene somministrare farmaci antiasmatici come antinfiammatori inalatori-spray o polvere (cortisonici, broncodilatatori quali salbutamolo, terbulatina, feneterolo).

Diagnosi

L'accesso asmatico è caratterizzato dall'insorgenza improvvisa di dispnea (fame d'aria). La diagnosi di asma è essenzialmente anamnestica e clinica.
Per quanto riguarda l'anamnesi è opportuno considerare attentamente i seguenti aspetti: epoca e modalità di insorgenza della sintomatologia;
stagionalità (perenne o limitata ad alcuni mesi dell'anno). Eventuali variazioni della sintomatologia qualora il paziente si trasferisca per periodi più o meno prolungati in luoghi diversi; tipo di lavoro ed abitudini di vita (fumatore, ecc.); eventuale presenza in casa di animali a pelo, in particolare gatti e cani; evoluzione della sintomatologia negli anni; risposta ad eventuali precedenti terapie farmacologiche, ecc. , Gli accertamenti diagnostici per il paziente asmatico comprendono i test allergologici sia in vivo (test cutanei allergologici come prick test) che in vitro (RAST su siero di sangue per l'evidenziazione di anticorpi IgE specifici) per valutare la presenza di sensibilizzazione verso allergeni di diversa natura (inalatori, alimentari, da contatto, ecc). Una negatività dei test allergologici consente di escludere la diagnosi di asma allergico ed orienta verso quella di tipo intrinseco. Altrettanto importante è la valutazione degli indici di funzionalità respiratoria (esame spirometrico) che nell'asma episodica, al di fuori della crisi, sono in genere normale. In questi casi è possibile evidenziare l'iperreattività bronchiale aspecifica e quindi la predisposizione alle crisi mediante un test provocativo (test di reattività bronchiale aspecifico con metacolina).

Terapia

La terapia dell'asma non può prescindere dall'educazione sanitaria del paziente, che deve essere in grado: 1) di evitare i fattori di rischio, 2) di valutare la gravità di una crisi, 3) di variare la terapia secondo il piano terapeutico personale, 4) di autosomministrarsi farmaci d'emergenza in caso di attacco di asma grave. Il cardine dell'autogestione dell'asma è la capacità di riconoscere la gravità della crisi asmatica. Questo è possibile utilizzando un piccolo e semplice strumento da tenere in casa, che permette la misura del picco di flusso espiratorio (PEF) che si ottiene soffiando con decisione nel boccaglio dello strumento e registrando il punteggio ottenuto. Il PEF è una misura obiettiva della capacità respiratoria, e fornisce informazioni preziose per riconoscere la gravità della crisi, che si distingue in lieve, moderata e severa proprio in funzione della misurazione del PEF. Monitorando il PEF il soggetto asmatico sa come comportarsi in ogni momento, e soprattutto può riconoscere immediatamente la crisi grave che necessita di ricovero immediato. I farmaci antiasmatici si dividono in due categorie: i broncodilatatori per via inalatoria (salbutamolo, terbutalina, fenoterolo) e i farmaci antiasmatici antinfiammatori (steroidi inalatori, cromoglicato, nedocromile, antileucotrienici). Nell'asma severo vanno impiegati steroidi per via orale o parenterale, i teofillinici (vedi antiasmatici). I pazienti affetti da asma bronchiale fanno spesso uso di rimedi non convenzionali. Le metodiche più frequentemente utilizzate sono l'agopuntura, la fitoterapia, l'omeopatia, le tecniche di respirazione e rilassamento (yoga, ad esempio), le manipolazioni spinali, la riflessologia. I pazienti che si sottopongono a questi trattamenti riferiscono spesso un certo miglioramento dei sintomi, o si dicono comunque soddisfatti del rapporto stabilito col terapeuta. Nonostante la grande diffusione di queste pratiche, però, solo pochi studi clinici sono stati condotti per valutare la loro reale efficacia nei malati di asma. I risultati finora disponibili non appaiono peraltro positivi né per le cure omeopatiche, né per l'agopuntura. In un recente studio condotto su bambini con asma di grado lieve o moderato, l'aggiunta di manipolazioni spinali chiropratiche all'abituale terapia medica non ha fornito alcun beneficio.

Uno spray per la Bpco

Uno spray per la BpcoCombinazione a dose fissa in un unico spray extrafine

La combinazione a dose fissa di beclometasone dipropionato (corticosteroide per inalazione - ICS) e formoterolo fumarato (broncodilatatore beta2-agonista ad azione rapida e a lunga durata - LABA) di Chiesi Farmaceutici è il primo e unico spray [...]

Asma, efficace tiotropio Respimat

Asma, efficace tiotropio RespimatBuoni risultati indipendentemente dal sottotipo allergico

L'aggiunta di tiotropio Respimat alle normali terapie di mantenimento dell'asma aiuta a migliorare la funzionalità respiratoria e il controllo dei sintomi. Lo annunciano i nuovi risultati disponibili presentati da Boehringer [...]

Enfisema, le spirali polmonari aiutano

Enfisema, le spirali polmonari aiutanoL'impianto endoscopico migliora la capacità di esercizio

I pazienti che soffrono di enfisema dovrebbero sottoporsi all'impianto endoscopico di spirali a livello polmonare. Stando ai dati, il rimedio migliora la capacità di esercizio a 6 mesi.
Lo afferma uno studio pubblicato su [...]

Bronchiolite, l'ipereosinofilia è un marker

Bronchiolite, l'ipereosinofilia è un markerL'alto numero di eosinofili nel sangue determina un aumento del rischio

Un team di ricercatori dell'University Hospitals of Cleveland ha scoperto un nesso fra il numero di eosinofili nel sangue e il rischio di bronchiolite. I ricercatori, guidati dal dott. Steven Shein, hanno studiato [...]

Disturbi respiratori in aumento, sotto accusa smog e fumo

Disturbi respiratori in aumento, sotto accusa smog e fumoRespiriamo sempre peggio, a dirlo una ricerca del Cnr

I nostri polmoni stanno sempre peggio. A dirlo è un’indagine dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa, condotta in collaborazione con l’Istituto di [...]

Città inquinate, gli effetti sulla salute

Città inquinate, gli effetti sulla saluteColpiti soprattutto i bambini

Un fastidio per tutti, ma un rischio concreto soprattutto per i più piccoli. La persistente alta pressione che si è verificata in questi giorni in Italia ha riportato a galla uno dei problemi del nostro tempo, [...]

Nel microbiota intestinale la via per eliminare l'asma

Nel microbiota intestinale la via per eliminare l'asma

La presenza di certi batteri assicura protezione contro la malattia

Quattro tipi di batteri eventualmente presenti nel microbiota intestinale garantirebbero protezione nei confronti dell'asma. A [...]

Esami eccessivi per l'embolia polmonare

Esami eccessivi per l'embolia polmonare

Meglio ridurre il ricorso a tomografia computerizzata e D-dimero plasmatico

Esami come la tomografia computerizzata (Tc) e il D-dimero plasmatico sono utilizzati in modo eccessivo nei confronti di pazienti con sospetta [...]

Doppia broncodilatazione farmacologica per la Bpco

Utile nei pazienti il cui sintomo principale è la dispnea

Nei casi in cui i pazienti che soffrono di Bpco mostrino come sintomo prevalente la dispnea, potrebbe essere più utile un approccio terapeutico basato sulla doppia broncodilatazione farmacologica.
Ne hanno parlato a Milano alcuni esperti riuniti in un incontro nel quale è stata annunciata la [...]

Asma e Bpco, la doxofillina come farmaco orfano

Molecola sviluppata da scienziati italiani 30 anni fa

Una molecola scoperta oltre 30 anni fa dalla società ABC Farmaceutici di Torino ha recentemente ottenuto la designazione di “orphan drug” per il trattamento delle bronchiectasie dalla FDA, l’autorità statunitense che vigila sulla sicurezza e l’efficacia di alimenti e medicinali.
Ora la doxofillina [...]

BPCO, nuovi dati su Roflumilast

Maggiore efficacia nella riduzione dei ricoveri per i pazienti più gravi

Nuovi dati dallo studio REACT dimostrano la maggiore efficacia di Roflumilast nei pazienti con Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) nella forma più severa, già in terapia inalatoria con ICS /LABA in combinazione oppure in tripla terapia.
Il nuovo farmaco antinfiammatorio ha dimostrato una maggiore efficacia [...]

Un diario per l'asma infantile

Un diario per l'asma infantile

Aiuta il pediatra a valutare meglio le condizioni del bimbo

I genitori di bambini asmatici dovrebbero tenere un diario che segua l'andamento della patologia. Lo rivela uno studio dell'Università di Montreal [...]

Le novità su asma e Bpco

Condizioni eterogenee che necessitano di terapie su misura

Asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) sono condizioni eterogenee e diversificate che hanno bisogno di approcci su misura. Se ne è discusso durante il congresso dell'Ers, la European Respiratory Society, che si è tenuto ad Amsterdam.
Decisiva anche l'aderenza al trattamento, che aumenta grazie all'utilizzo di [...]

Asma, l'effetto positivo degli LTRA

Asma, l'effetto positivo degli LTRA

Efficaci gli antagonisti recettoriali dei leucotrieni

Secondo una ricerca dell'Università della Tessaglia pubblicata su Annals of Internal Medicine, gli antagonisti recettoriali dei leucotrieni (LTRA) [...]

I bastoncini di incenso potrebbero essere nocivi

I bastoncini di incenso potrebbero essere nocivi

Se di scarsa qualità rilasciano composti tossici nell'aria

Forse creano l'atmosfera giusta, ma potrebbero far male alla salute. Parliamo dei bastoncini di incenso che in molte case vengono [...]

Nintedanib cura la fibrosi polmonare idiopatica

I risultati degli studi clinici

Il farmaco nintedanib sembra essere efficace in caso di fibrosi polmonare idiopatica.
I risultati relativi ai suoi effetti sono stati presentati in occasione del Congresso Internazionale 2015 della European Respiratory Society (ERS 2015) e confermano che nintedanib ha un’efficacia di lungo termine [...]

Sindrome respiratoria, l'informazione può salvare la vita

Sindrome respiratoria, l'informazione può salvare la vita

Necessaria una presa di coscienza dei pericoli

I disturbi respiratori non appaiono allarmanti né urgenti da risolvere nonostante l’Organizzazione Mondiale della Sanità [...]

Contro l'asma fate aerobica

Contro l'asma fate aerobica

L'esercizio migliora i sintomi della malattia

Chi l'avrebbe detto che l'aerobica potesse avere un effetto positivo nei confronti dell'asma? Eppure, proprio l'attività fisica che toglie il fiato sembra [...]

I probiotici per l'asma allergica

I probiotici per l'asma allergica

Ridotta la produzione di composti pro-infiammatori

Uno studio italiano pubblicato su Allergy, Asthma & Immunology Research rivela che una combinazione di Lactobacillus salivarius LS01 e Bifidobacterium [...]

Tiotropio e olodaterolo per la BPCO

Tiotropio e olodaterolo per la BPCO

L'associazione ha un effetto migliore sulla funzionalità respiratoria

Arruolato il primo paziente italiano nell’ampio studio clinico internazionale DYNAGITO. Lo studio valuterà i potenziali benefici dell’associazione a [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Bpco, risultati positivi per PT003

Bpco, risultati positivi per PT003

Migliora la funzione polmonare

Risultati positivi dalla sperimentazione della terapia PT003 per la Bpco. Lo rende noto AstraZeneca, la casa farmaceutica che l'ha sviluppata, [...]

L’asma dei ragazzi? Si prende in casa

I risultati di uno studio italiano

È stato appena pubblicato un lavoro dell'Istituto di biomedicina e immunologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibim-Cnr) sull’inquinamento degli ambienti indoor, che rivela non solo un’alta frequenza di superamento delle soglie stabilite ma anche il nesso con l’insorgenza di patologie [...]

Spirometria essenziale per la diagnosi di asma

Spirometria essenziale per la diagnosi di asma

Test iniziale per valutare la presenza della malattia

Effettuare una spirometria è il primo passo per cercare di capire se il soggetto è affetto da asma. A dirlo sono le linee guida Nice [...]

Paracetamolo e asma, c'è un nesso?

Paracetamolo e asma, c'è un nesso?

Alcune ricerche avanzano dubbi, ma l'Agenzia europea del farmaco rassicura

Il paracetamolo non sarebbe associato a un aumento del rischio di asma. Lo dice uno studio della Melbourne University pubblicato su Archives of [...]

Nuovi metodi per tenere sotto controllo l'asma grave

Nuovi metodi per tenere sotto controllo l'asma grave

Purificazione dell'aria e nuovo sistema di diagnosi per i bambini

I fenomeni di riacutizzazione costituiscono il maggior rischio diretto per i pazienti asmatici. Uno studio osservazionale condotto [...]

Asma più grave per i bambini che soffrono di apnee

Nesso negativo fra le due patologie

Un bambino asmatico mostra sintomi più gravi nel caso in cui soffra anche di apnee ostruttive del sonno. Lo dice una ricerca dell'Università di Chicago pubblicata su Plos Medicine che ha analizzato 40mila bambini affetti da asma con un'età compresa fra 3 e 17 anni.
In seguito a un intervento [...]

La dialisi polmonare per i malati di Bpco

La dialisi polmonare per i malati di Bpco

Sperimentata con successo per la prima volta al mondo nuova tecnica italiana

Per la prima volta al mondo è stata sperimentata con successo la dialisi polmonare. Questo grande successo della medicina con i relativi [...]

Associazione di farmaci contro la Bpco

Associazione di farmaci contro la Bpco

Corticosteroidi inalatori e beta-agonisti danno effetti migliori

Il rischio di morte e di ricoveri in caso di Bpco scende in maniera decisa se si assume un'associazione di corticosteroidi inalatori e [...]

Gli ftalati che causano l'asma nei bambini

Gli ftalati che causano l'asma nei bambini

Due sostanze aumentano considerevolmente il rischio

Ad innalzare il rischio di asma nei bambini sarebbero due sostanze specifiche che fanno parte della categoria degli ftalati, elementi [...]

Benralizumab per la Bpco

Effetto positivo indotto dal farmaco

Grazie alla somministrazione di benralizumab i pazienti affetti da Bpco vedono ridursi il numero di eosinofili nel sangue periferico e nell’espettorato. A evidenziarlo è uno studio in doppio cieco controllato con placebo e pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine da un team di ricercatori guidato da Christopher [...]

L'amianto causa anche la fibrosi polmonare

L'amianto causa anche la fibrosi polmonare

L'esposizione alla sostanza responsabile in molti casi

C'è anche la fibrosi polmonare idiopatica tra gli effetti nefasti prodotti dall'esposizione all'amianto. A dirlo è una ricerca condotta [...]

Asma infantile, lo smog in gravidanza aumenta il rischio

Asma infantile, lo smog in gravidanza aumenta il rischio

Vivere in città aumenta le probabilità di insorgenza dell'asma

L'esposizione a livelli elevati di inquinamento atmosferico nel corso di una gravidanza aumenta il rischio di asma per il [...]