Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Vitamina D utile per il cervello degli anziani

Una sua carenza determina declino cognitivo

Invecchiamento_9796.jpg

Un deficit di vitamina D negli anziani si associa a una perdita di capacità cognitive. Lo dice uno studio pubblicato su Jama Neurology da Joshua Miller della Rutgers University di New Brunswick.
In collaborazione con i ricercatori dell'Università della California di Davis, Miller ha analizzato il rapporto fra assunzione di vitamina D e funzioni cognitive in 382 adulti anziani con età media di 75,5 anni.
“Sia il recettore della vitamina D sia l'enzima che la converte in 25-idrossivitamina D (25-OHD), la forma attiva, sono espressi in tutti gli organi compreso il cervello”, spiega Miller.
Per deficit si intende una concentrazione sierica di 25-OHD inferiore a 12 ng/mL. Fra i 12 e i 20 ng/ml si parla di livelli insufficienti, mentre un valore adeguato è quello intercorrente fra 20 e meno di 50 ng/ml. Oltre i 50 l'apporto è troppo elevato.
“Il livello medio di 25-OHD era 19,2 ng/ml, ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | vitamina, cervello, anziani,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 19472 volte