(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dovrebbero mai essere prescritti, mentre altri possono essere effettuati in circostanze particolari e comunque meno frequentemente di quanto non si faccia. Stando alle stime, attenersi alle raccomandazioni del documento della Sid significherebbe risparmiare almeno 50 milioni di euro ogni anno, soldi che potrebbero essere investiti su altri esami trascurati - ad esempio HbA1c, colesterolo, creatinina, microalbuminuria - e sull'innovazione e la ricerca.
«In un momento di ristrettezze economiche come'è quello attuale - ha detto Enzo Bonora, presidente della Sid - la ricerca dell'appropriatezza in sanità rappresenta un capitolo importante della spending review. In quest'ottica, la Società italiana di diabetologia, consapevole che evitare sprechi è fondamentale per liberare risorse in campo diagnostico e terapeutico, ha redatto un Position Statement sull'appropriatezza nella prescrizione alle persone con diabete di oltre 20 parametri di laboratorio che risultano essere stati prescritti troppo spesso nel 2014. Il Servizio sanitario nazionale potrebbe funzionare benissimo e forse anche meglio con il Fondo Sanitario allocato per il 2016, se tutti applicassero in ogni circostanza le '4 C' indispensabili per fare bene il medico: conoscenza, competenza, compassione e coscienza. L'appropriatezza, sia nelle procedure diagnostiche che nelle scelte terapeutiche, ne sarebbe una logica conseguenza».
Leggi altre informazioni
28/01/2016 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante