(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) sull'endotelio, analizzando campioni di tessuto prelevati dalla vena dell'arto superiore di 128 persone che si erano recate in un centro per i disturbi del sonno, 76 delle quali avevano ricevuto la diagnosi di apnea ostruttiva notturna.
«Nei pazienti con apnea, abbiamo notato un accumulo anomalo della proteina CD59 all'interno delle cellule endoteliali», spiega l'autrice. Di norma, CD59 è situata sulla superficie cellulare. I ricercatori hanno tuttavia scoperto anche che nei pazienti con apnee trattati con le statine, i livelli di CD59 sulla superficie cellulare sono paragonabili a quelli osservati nel campione di controllo.
«Spostandosi all'interno della cellula CD59 non riesce a svolgere il suo compito di difesa contro l'infiammazione, aumentando così il rischio cardiovascolare», dice Jelic, che conclude: «I nostri risultati suggeriscono che le statine potrebbero rappresentare una efficace strategia di prevenzione cardiovascolare nei pazienti con apnee ostruttive del sonno, ma prima di esserne certi servono ulteriori studi».

Fonte: Science Translational Medicine
Leggi altre informazioni
25/01/2016 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante