(Torna alla 1° pagina..)(2° pagina) sonnolenza alla guida nella diagnosi delle Osa”, precisa lo pneumologo. “I soggetti con sospetta Osa e recenti incidenti non intenzionali attribuibili a sonnolenza, stanchezza o disattenzione devono essere avvertiti circa il potenziale rischio connesso alla guida fino all’inizio di una cura efficace” sottolinea Strohl.
Quando il sospetto di un rischio alto si fa concreto è bene effettuare una polisonnografia e nel caso un trattamento specifico, ad esempio la ventilazione a pressione positiva continua (Cpap). Sono invece sconsigliati quei farmaci che agiscono per ridurre la sonnolenza, in quanto rischiano di provocare più danni che benefici.
“Inoltre i medici dovrebbero di informare i pazienti e le famiglie circa i rischi dell’eccessiva sonnolenza alla guida, verificando anche le cause non-Osa, come i disturbi neurocognitivi, o le comorbidità che possono contribuire in modo additivo ai rischi di incidente stradale”, continua il ricercatore americano. “Affrontare la questione della sonnolenza alla guida richiede lo sforzo congiunto di medici, pazienti e politici, e queste nuove linee guida sono un importante passo in questa direzione”.
Leggi altre informazioni
05/06/2013 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords | apnee, guida, sonnolenza,

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante