(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) murino. I topi producono un gran quantitativo di beta-amiloide che, proprio come negli umani, conduce alla formazione di placche di beta-amiloide nel cervello, causando perdita di memoria. Nel corso dello studio, per 8 settimane i topi hanno assunto l’inibitore di beta-secretasi. Alla fine, grazie a uno speciale microscopio a due fotoni, hanno analizzato le singole cellule nervose presenti nel cervello.
Dal momento dell’inibizione, i topi hanno mostrato una quantità di beta-amiloide nel cervello inferiore. Ma l’effetto andava molto oltre, normalizzando le funzioni cerebrali perdute o compromesse.
«Ci ha veramente sorpreso la reversibilità dei sintomi», spiegano i ricercatori. «Prima del trattamento, i topi mostravano la presenza di numerose placche di beta-amiloide nei loro cervelli. Ciononostante, l’inibitore è stato in grado di ripristinare abilità e funzioni cerebrali fondamentali», spiega Aylin Keskin, un altro ricercatore coinvolto.
«Siamo anche stati in grado di dimostrare quali deficit neurali siano davvero causati dalla beta-amiloide».
Ora il team sta organizzando un vasto trial clinico con circa 1000 volontari per testare un modello leggermente modificato di inibitore di beta-secretasi. «È inutile dire che speriamo che questa promettente scoperta su modello animale si tramuti in realtà anche per gli uomini», conclude Busche.

Fonte: Technical University of Munich


Leggi altre informazioni
03/10/2017 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante